La sindrome che non ci fa multare con l’alcol test

Esiste una sindrome molto rara che fa risultare un elevato tasso alcolemico nel sangue, anche se non si è affatto bevuto. E’ quanto è stato scoperto dopo che un uomo statunitense era stato arrestato per guida in stato di ebrezza. La vicenda è stata pubblicizzata dall’agenzia stampa Adnkronos. Nella specie, l’uomo era stato fermato ad un posto di blocco e, sottoposto al test, riportava un tasso alcolemico nel sangue pari al doppio del limite legale. Successivamente, nell’effettuare una serie di accertamenti, è risultato che era affetto da una rara forma di fermentazione intestinale, chiamata sindrome del birrificio.

In altri termini, l’uomo produceva alcool in proprio, all’interno della sua pancia, durante la digestione. Sicchè, gli bastava mangiare un pezzo di pane o un piatto di pasta, perché il suo organismo iniziasse il processo di trasformazione degli amidi in etanolo. Tutto ciò, senza assumere nulla di alcolico. In conclusione, possiamo dire che la sindrome che non ci fa multare con l’alcol test, è proprio quella discorrenda.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Il caso

La vicenda dell’uomo americano su narrata, è giunta all’attenzione della comunità scientifica ed è stata studiata dai ricercatori del Richmond University Medical Center di New York. Sicchè, dagli studi condotti sulla patologia è emerso che essa non è così rara come sembra. Anzi, essa sarebbe abbastanza comune nei pazienti affetti da diabete o obesità. Il reale rischio che ricorre nei casi del genere è che la sindrome possa essere non riconosciuta o mal diagnosticata. Sul piano giuridico, invece, è intuibile che in presenza di una siffatta diagnosi, la condotta integrante reato o violazione amministrativa sarà scriminata.

Quindi, la sindrome che non ci fa multare con l’alcol test è quella del birrificio. Infatti, in presenza di essa, difetta l’elemento materiale dell’illecito, cioè l’uso di sostanze alcoliche. Difetta, inoltre, anche l’elemento soggettivo dello stesso, in quanto chi è affetto dalla sindrome non è cosciente di guidare con un tasso alcolemico elevato nel sangue. Sicchè, la condotta corrispondente, non può essergli certamente addebitata.

Consigliati per te