La santoreggia, un’erba dalle mille proprietà da riscoprire in cucina

La nostra tradizione culinaria è ricchissima di aromi, odori, spezie e erbe. Tutti conosciamo le erbe aromatiche più comuni, quali rosmarino, salvia, menta, timo o basilico (esiste anche quello viola!). Si tratta di piantine molto utili in cucina, facilissime da crescere in casa, anche in uno spazio ridotto, come un vaso sul davanzale. Ma la nostra tradizione ci regala in realtà numerosissime altre erbe deliziose. Oggi esploreremo una delle meno conosciute: la santoreggia, un’erba dalle mille proprietà da riscoprire in cucina.

Una piantina umile ma utilissima

Esistono molte specie di santoreggia, diffusissime in tutto il bacino del Mediterraneo, compresa l’Italia. Ma la specie di cui si fa maggior uso in cucina è la Satureja hortensis, semplice da coltivare e profumatissima. Si tratta di una piantina annuale che raggiunge un’altezza di circa 20 cm, con foglioline piccole dalla forma allungata e fiori di colore rosa o viola.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Alla vista non si tratta di una pianta particolarmente degna di nota. Ma in realtà l’umile santoreggia possiede innumerevoli proprietà benefiche, e può essere un’aggiunta deliziosa ai nostri piatti. Vediamo quindi come utilizzare al meglio la santoreggia, un’erba dalle mille proprietà da riscoprire in cucina.

Per condire, digerire e disinfettare

Possiamo utilizzare della santoreggia fresca o secca per insaporire minestre, stufati, o fritture. È deliziosa sulle patate al posto dell’origano, e dona una nota di sapore indistinguibile anche alle nostre verdure in padella.

Dalla santoreggia si può derivare anche un infuso profumatissimo molto utile contro gli acciacchi più comuni. La santoreggia possiede infatti grandi proprietà digestive e carminative. Questo significa che aiutano l’espulsione di fastidiosi gas intestinali. Un infuso di santoreggia è proprio quello che ci vuole dopo un pasto pesante per digerire. La santoreggia contiene anche proprietà antisettiche, e un impacco di santoreggia potrebbe fungere da disinfettante fai-da-te in mancanza di un prodotto specifico.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te