La ricetta per tutelare i risparmi, guadagnare in Borsa e sconfiggere la crisi dei mercati

La storia si ripete. Il ribasso dei mercati come al solito è forte e perpendicolare e gli attori e le scene cambiano ma la sostanza è sempre la stessa.

Se il lettore ci segue per qualche minuto, gli illustreremo la semplice  ricetta per tutelare i risparmi, guadagnare in Borsa e sconfiggere la crisi dei mercati.

Coronavirus ma prima la situazione italiana e la crisi dell’eurozona. Ancora prima in America  il fallimento di Lehman Brothers,  la crisi del sistema bancario e i subprime e prima ancora la bolla speculativa dell’anno 2000.

Si potrebbe tornare ancora a ritroso alla crisi del 1998 e prima ancora a quella della guerra in Iraq del 1990/1991.

E poi al 1987 e poi al 1974 e alla famosa crisi del 1929.

La costante è che nel 100% dei casi i mercati dopo  ribassi che sono durati in media 3 anni sono risaliti.

La crisi attuale  quindi porterà a nuovi rialzi dei mercati azionari.

Cosa succede durante un rialzo e poi durante un ribasso?

Le quotazioni delle società quotate tendono a raggiungere livelli di sopravvalutazione rispetto alla media degli utili e ai bilanci normalizzati  degli ultimi 4 anni.

Solitamente, in media un mercato azionario sale  del 10/12% all’anno. Nei momenti finali del trend rialzista si assiste ad una bolla speculativa con punte di rialzo anche del 25/30% in pochi mesi.

I mercati azionari come le stagioni alternano a periodi lunghi di rialzi, periodi di ribasso. I rialzi sono durati in media 7/10 (distanza fra minimo e massimo) anni mentre i ribassi al massimo 3 anni (distanza fra massimo e minimo).

I ribassi durano in meno tempo ma la profondità a volte è stata anche del 30/40% in pochi mesi. I ribassi più profondi per i mercati americani sono stati quelli del 1929,  del 1987 poi del 2000/2003 e poi del 2007/2009.

Assodato quindi che nel 100% dei casi a ribassi seguono rialzi e a rialzi seguono ribassi più o meno lunghi.

Quindi, la migliore strategia di investimento cosa dovrebbe prevedere e fare?

Comprare sui ribassi e vendere sui rialzi!

Questo è il segreto per guadagnare in Borsa. Tutto quello che viene scritto, detto, insegnato sui rialzi e/o ribassi non serve a nulla.

Cosa deve fare chi vuole guadagnare in Borsa?

Usare a proprio vantaggio delle semplici tecniche che permettono di leggere i grafici e  le inversioni dei mercati.

La ricetta per tutelare i risparmi, guadagnare in Borsa e sconfiggere la crisi dei mercati

A priori non si può sapere dove si fermerà il ribasso.  Ci sono alcune tecniche che possono darci un’idea e approssimare il risultato ma la precisione non è possibile.

C’è però un dato che è interessante da valutare. L’esperienza storica ci dice che un ribasso degli indici azionari americani  è stato anche dell’89%. Questo è un dato che non va mai dimenticato o scartato a priori.

Cosa attendere dal breve termine ovvero nei prossimi 9 mesi?

Siamo giunti su forti livelli di ipervenduto ma non si assiste ancora nemmeno a un’inversione rialzista di breve.

Siamo preoccupati perchè se non si inverte entro pochi giorni, dai livelli attuali fino al 22 maggio o addirittura 12 giugno di quest’anno si potrebbe scendere anche di un altro 30% in alcuni casi ed oltre.  

La matematica e la probabilità però dicono che questa sarebbe l’ipotesi più pessimistica ma non ci sentiamo di escluderla.

Comunque siamo giunti in un’area che ci fa calcolare queste probabilità:

60% che i mercati chiuderanno a  dicembre sopra i livelli attuali.

blank

Meglio però essere cauti in quanto il contesto è ancora Short anche di brevissimo.

Quali sono le probabilità a 3 anni, a 5 anni e a 10 anni?

Ora spieghiamo una tecnica che non ha bisogno di ulteriori approfondimenti e/o consigli o preparazione in materia.

Chi inizia a comprare dopo un ribasso del 30% (siamo a -35% di media per i mercati azionari mondiali) ha probabilità molto elevate ( fino all’80%) rispetto alle esperienze che si sono ripetute nelle serie storiche di trovarsi in guadagno dopo  36 al massimo  60 mesi. A 10 anni la  probabilità è quasi del 100%.

I guadagno sono stati di media fra il 10 ed il 20% all’anno e in alcuni casi molto superiori.

Le probabilità e il calcolo sono basati sul seguente asset geografico pesato come segue

50% America, 30% Europa e 20% Asia.

Il miglior modo per replicare questa diversificazione è quello di comprare ETF  e non fondi comuni di investimento i cui rendimenti sono influenzati negativamente sia dalle commissioni di ingresso/uscita che da quelle di perfomance.

Questa appena definita è la strategia statica ma si potrebbe optare anche per un’altra più dinamica. Ad esempio si potrebbe dilazionare l’investimento in più tranche da comprare su ogni ulteriore ribasso ad esempio del 5% o del 10%.

Si sconsiglia vivamente di modellare questa strategia per investimenti e acquisti sui singoli titoli azionari o su un giardinetto di titoli in quanto  il ritorno atteso potrebbe essere diverso da quanto è capitato sull’asset indicato.

Inoltre la differenza è fondamentale: alcune società e i loro titoli azionari possono anche fallire in seguito a crisi sistemica.

Ed è capitato spesso dal 1898 ad oggi.

Quanto scritto non solo è una  dimostrazione pratica ma è anche quanto accaduto nelle esperienze storiche nel 100% dei casi.

Consigliati per te