La pianta più insolita da seminare nei primi giorni di aprile

La prima particolarità di questa pianta è che durerà fino all’inverno. Va seminata ai primi di aprile ma poi dura per tutta l’estate e tutto l’autunno, accompagnando il contadino fino al primo inverno.

È una pianta erbacea tropicale, originaria dell’Asia. Amante quindi di clima caldo e umido, arriva a diversi metri di altezza. Può essere sia una pianta da giardino decorativa, sia una pianta da coltivare in orto.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Lo spinacio corridore

Lo spinacio corridore è conosciuto anche con molti altri nomi. Spinacio della Cina o del Malabar, basella rubra o spinacio rampicante. Qualsiasi nome si decida di usare, si parla comunque della pianta più insolita da seminare nei primi giorni di aprile.

Le foglie sono grandi, sul rotondo e carnose. I piccoli fiorellini sono rosa, bianchi e verdi, anche se senza petalo. Sono come piccoli boccioli a grappolo. I frutti invece, che sono delle bacche, contengono un solo seme a testa. Sono piccoli e di colore porpora scuro.

Da questo si può ricavare un liquido colorato adatto per i bambini. Ci possono giocare utilizzandolo come inchiostro colorato o come colorante liquido naturale, spaziando con la fantasia.

Anche se definita spinacio corridore, è una pianta diversa dagli spinaci. È un alimento tollerato molto bene, ricco di vitamina A, B e C. Consigliato per chi soffre di artrite. Inoltre, diventa lassativa se si prepara con le foglie un decotto.

Come si coltiva?

La pianta più insolita da seminare nei primi giorni di aprile è molto semplice da coltivare. Va seminata a una distanza di 30-40 cm l’una dall’altra. Mentre lo spazio tra le file dovrebbe essere maggiore, circa 45 cm.

Visto che è una pianta rampicante bisogna affiancarci delle canne robuste, crescendo in altezza può dare grandi soddisfazioni anche se si ha poco spazio. I tutori sui quali si arrampicherà devono essere alti almeno 2 metri.

Bisogna bagnarla ogni 15 giorni circa, anche se è bene fare attenzione alle temperature in quanto il terreno dovrebbe rimanere abbastanza umido costantemente. Quando le foglie raggiungono i 15 cm di larghezza si possono raccogliere.

 

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te