La notizia che tutti aspettavano per andare a vivere in luogo da sogno tutto l’anno

Il mondo del lavoro si è adeguato all’emergenza sanitaria in corso che ha obbligato migliaia di persone a lavorare da casa, qualora non vi fosse necessaria una presenza fisica in ufficio. Lo smart working è la modalità degli ultimi tempi che permette ad un dipendente di poter lavorare dove vuole con una connessione Wi-Fi e un computer.

Ad oggi sono molti gli annunci di lavoro che promuovono questo tipo di impiego nonostante il rischio di un nuovo lockdown sia fortunatamente molto lontano.

Questo cambiamento che sta prendendo piede man mano, permetterà a milioni di persone in tutto il mondo a poter decidere se abitare in una zona o in un altra. Ad esempio in montagna o al mare o perché no, trasferirsi in una località paradisiaca.

Vediamo qual è la notizia che molti smart workers aspettavano per andare a vivere in luogo da sogno tutto l’anno.

Dove e come si potrà vivere all’estero e come scegliere la giusta destinazione in base alle proprie esigenze

Gli smart workers sono una fetta di lavoratori che sta crescendo con il tempo. Basti pensare che ormai l’organizzazione della maggior parte delle aziende deve passare per il digitale. Gestione dell’e-commerce, marketing, comunicazione di vario genere, sono solo alcune delle mansioni che si possono svolgere dietro al monitor di un PC.

Da non dimenticare che le nuove tecnologie stanno avanzando lanciando nuovi servizi, il progresso digitale inarrestabile che un po’ tutti amiamo. Comprare beni o servizi ed usufruire di informazioni comodamente da casa, con qualche click, permette a tutti di risparmiare tempo e spesso denaro.

Con questi nuovi orizzonti ogni smart worker potrà decidere di svolgere online il proprio lavoro approfittando anche di nuove agevolazioni in altri Paesi.

La notizia che tutti aspettavano per andare a vivere in luogo da sogno tutto l’anno

Molti sono i Paesi che hanno lanciato proposte di sgravi fiscali per attirare i nomadi digitali. Ad esempio la Grecia con le sue bellissime isole, ha introdotto un regime fiscale agevolato per chi ha intenzione di trasferirsi lì.

Ma non basta essere uno smart worker, occorreranno dei requisiti importanti come:

  • non aver avuto la residenza in Grecia negli ultimi 6 anni
  • essere un cittadino europeo e provenire da un Paese con cui la Grecia ha un accordo di cooperazione fiscale.

Il regime fiscale agevolato di uno smart worker, in questo caso nomade digitale, consisterà in un 50% di tasse per introiti generati nel Paese.

Anche l’Italia offrirà delle agevolazioni fiscali per i nomadi digitali europei e anche per gli emigrati italiani che hanno vissuto fuori per almeno 2 anni e che hanno la possibilità di tornare in Italia. l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo “1860” e “1861”, che permettono dal 1′ gennaio 2020 sgravi fiscali che prevedono 5 anni di regime speciale agevolato.

Consigliati per te