La guida per utilizzare e pulire nel modo corretto pentole e padelle in pietra

Per la preparazione e la cottura dei cibi, esistono oggi in commercio tantissime varianti di pentole e padelle. Antiaderenti, in rame, in acciaio sono solo alcune delle tipologie di strumenti di cottura esistenti. La pietra, tuttavia, ha saputo farsi strada nel mercato dei dispositivi di cottura per una sua specifica qualità: la longevità. La vita di padelle e pentole in pietra si caratterizza per essere piuttosto lunga, anche a distanza di anni dall’acquisto. Ecco quindi la guida per utilizzare e pulire nel modo corretto pentole e padelle in pietra.

Pentole e padelle in pietra: tutto quello che bisogna sapere

Pentole e padelle in pietra sono dotate di questo speciale rivestimento che, oltre a resistere ad anni di cottura, è estremamente antiaderente. Il maggior vantaggio dell’antiaderenza farà felici i salutisti: pentole e padelle in pietra antiaderente consentono di usare meno condimenti grassi come olio o burro. Ma come vanno trattate pentole e padelle in pietra? Il primo consiglio è quello di utilizzare utensili come quelli in silicone; essi tendono a reggere bene alle alte temperature e non rischiano di rovinare pentole e padelle. Evitare assolutamente quelli in metallo.

Prima d’iniziare a cuocere è, poi, buona norma attendere una cinquina di minuti a fuoco basso prima di collocare l’alimento da cuocere. Così facendo, il calore raggiungerà uniformemente l’intero strumento di cottura e ciò gli impedirà di usurarsi. Una volta terminata la cottura, non bisogna mai raffreddare la padella con acqua fredda o riporla in frigo ancora bollente. Questo comportamento può danneggiarla irrimediabilmente.

Qualche altro consiglio su come trattarle

In realtà, pentole e padelle in pietra sono un’evoluzione delle comuni pentole antiaderenti, realizzate in Politetrafluoroetilene. Le pentole antiaderenti vengono rivestite con piccole particelle minerali che ricreano un piacevole aspetto di pietra al tatto e alla vista. Questo, però, serve anche ad aumentarne la duratura, appurata la migliore resistenza alle alte temperature di cottura. La guida per utilizzare e pulire nel modo corretto pentole e padelle in pietra deve necessariamente contenere un altro accorgimento.

Evitare il più possibile di lavarle utilizzando delle spugne particolarmente abrasive, che non potranno non danneggiare il fondo del nostro strumento. Le superfici danneggiate, possono rilasciare quantità di alluminio e metallo dannose per la salute di chi consuma gli alimenti che vi sono entrati in contatto. Quindi, sempre meglio gettare e sostituire la pentola o la padella con il fondo danneggiato.

Consigliati per te