La forza dell’euro contro il dollaro è già svanita? Le prime sedute della settimana saranno decisive per capire la direzione del cambio

Dopo tre settimane di forte rialzo (clicca qui per leggere i report precedenti) la forza dell’euro contro il dollaro è già svanita? Potrà sembrare strano, ma fino a venerdì sera la settimana era stata una delle migliori contro il dollaro da moltissimi mesi.

In pochi minuti il dollaro ha guadagnato circa lo 0,8% rispetto al dollaro. Ciò nonostante il mese si è chiuso con un saldo positivo del 2,5% a favore della moneta unica europea.

Il motivo che ha scatenato la corsa del dollaro è da attribuire al fatto che gli operatori hanno bilanciato i loro portafogli prima della fine del mese e hanno notato diversi indicatori che indicano la ripresa dell’economia negli Stati Uniti.

Questo fulmineo movimento ha portato molta incertezza nel breve e medio periodo. Tanto che le prime sedute di settimana prossima saranno già decisive per capire succederà al cambio euro dollaro durante il mese di maggio.

La forza dell’euro contro il dollaro è già svanita? Le indicazioni dell’analisi grafica

Il 30 aprile la chiusura del cambio  euro dollaro (FXEURUSD) è stata a 1,2020 in ribasso dello 0,86% rispetto alla seduta  precedente. La settimana, invece, si è conclusa con un ribasso dello 0,63%.

Time frame giornaliero

Il raggiungimento del III obiettivo di prezzo in area 1,2166 ha provocato il brusco ritracciamento di cui abbiamo accennato in precedenza. L’aspetto interessante e inquietante è che il ribasso di venerdì ha provocato la rottura del primo supporto lungo la proiezione ribassista che ha come obiettivo area 1,1864. La tenuta di questo livello sarà fondamentale per un’immediata ripresa del rialzo. In caso contrario si continuerebbe a scendere verso i minimi recenti in area 1,17.

Chiaramente una chiusura giornaliera superiore a 1,204 aprirebbe le porte a una continuazione del rialzo.

Da notare il segnale di vendita dello Swing Indicator scattato in chiusura di venerdì.

euro dollaro Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame settimanale

La settimana ha avuto la strana evoluzione di cui abbiamo già ampiamente parlato. Tuttavia non tutto ancora è compromesso. Sul time frame settimanale, infatti, solo una chiusura inferiore a 1,2 farebbe invertire al ribasso la tendenza in corso. In caso contrario la salita potrebbe continuare verso gli obiettivi di prezzo indicati in figura.

euro dollaro

Time frame mensile

La chiusura di aprile ha visto rompere la resistenza in area 1,2007. Si dovrebbe, quindi, partire al rialzo verso gli obiettivi indicati in figura.

Solo una chiusura mensile inferiore a 1,162 farebbe precipitare l’euro verso la parità.

euro dollaro

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te