La differenza tra pasta madre e lievito di birra

Durante il lockdown molti di noi si sono dati alla panificazione. Tra una ricetta e l’altra abbiamo però scoperto che esistono due tipi di lievito principali. Il lievito di birra e la pasta madre permettono entrambi di cucinare pizze, pane e perfino dolci. I risultati dipendono però dal tipo di lievito utilizzato. Qual è quindi la differenza tra pasta madre e lievito di birra?

Cos’è la pasta madre

La pasta madre è chiamata anche pasta acida o lievito madre. È formata da due ingredienti principali: acqua e farina. In questo composto, che va lasciato a riposo per diverse ore, si sviluppano naturalmente dei batteri come i lactobacilli. Questi vanno però alimentati. La pasta madre non ha quindi una vera scadenza, ma va continuamente rinfrescata. Ciò significa che vanno regolarmente aggiunti acqua e farina in modo da far moltiplicare i microrganismi. Sono questi batteri, infatti, a far poi crescere l’impasto. La pasta madre ha solitamente una consistenza gommosa ma è possibile utilizzarla anche sotto forma di liquido. Per utilizzare il lievito madre bisogna aggiungerne una dose all’impasto del pane o della pizza e attendere la lievitazione.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Cos’è il lievito di birra

Il lievito di birra deve il suo nome a uno dei tanti utilizzi che se ne fa. Viene infatti usato per fare la birra, ma non solo. Questo lievito è formato da microrganismi detti saccharomyces cerevisiae che crescono sul malto. Il lievito di birra assume quindi spesso la consistenza di una polvere granulosa e al supermercato si può trovare secco o fresco. Il lievito di birra secco è in bustina e può essere conservato a temperatura ambiente. Quello fresco è generalmente venduto in cubetti e deve essere conservato in frigorifero. Questo lievito, che viene chiamato anche lievito naturale, fa crescere l’impasto producendo anidride carbonica.

La differenza tra pasta madre e lievito di birra

Le differenze tra lievito di birra e pasta madre sono molte. La pasta madre richiede infatti molta cura e attenzione. È l’ideale quindi per chi è spesso in casa e chi ama cucinare pane, pizza o dolci casalinghi. Il lievito di birra è invece perfetto per chi ha poco tempo. Basta infatti versare la bustina nell’impasto e voilà, la lievitazione ha inizio. La pasta madre richiede tempi più lunghi anche per la lievitazione. I microrganismo di questo tipo di lievito sono infatti più lenti e interagiscono più a fondo con l’impasto. Ciò comporta però anche dei vantaggi!

La lievitazione con pasta madre è infatti l’ideale per chi digerisce poco la farina o il glutine. I tempi più lunghi e la varietà di microrganismi presenti nella pasta madre rendono infatti i prodotti più digeribili. La pasta madre è perfetta quindi per prodotti casarecci e più genuini, ma questi però non soddisfano sempre i gusti di tutti. I prodotti con la pasta madre, infatti, sono spesso meno morbidi di quelli fatti con il lievito di birra.

Consigliati per te