La differenza fra confettura e marmellata e come preparare una cotognata

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Non tutti forse conoscono la differenza fra confettura e marmellata. Spesso si confondono o si usano come sinonimi, ma sinonimi non sono. Allora cerchiamo di capire la differenza fra marmellata e confettura, dando anche spiegazione di un altro prodotto, la composta, senza trascurare come preparare una cotognata.

Che cosa è una marmellata e cosa una confettura

La differenza fra confettura e marmellata e come preparare una cotognata. Partiamo per gradi. La marmellata è fatta unicamente con agrumi freschi. Una marmellata allora può essere di arance, limoni, mandarini, cedri, bergamotto e pompelmo. Vengono tritati e bolliti in poca acqua, con l’aggiunta di zucchero.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

La confettura è invece a base di qualsiasi tipo di frutta tranne gli agrumi. Ma è molto buona, perché la frutta è a pezzettini. Bolle in acqua e zucchero, per un periodo di tempo piuttosto breve, e mantiene il sapore della frutta quasi intatto.

Quantità di frutta in marmellata, composta e confettura

Nella marmellata, secondo regolamento europeo, la frutta deve avere a un minimo del 20%, nella confettura non inferiore al 35%. C’è anche la composta, che ha meno zuccheri e la frutta deve essere non inferiore del 65%.

Da dove viene la parola confettura

La parola confettura deriva probabilmente dal francese confiture, da cui il nome confettare che indica una preparazione di frutta e zucchero.

L’origine della parola marmellata

L’origine della parola marmellata è  portoghese, dal nome marmelo, che non indica un agrume, ma la mela cotogna. Da questa poi si ricava una composta superba, la cotognata.

Come preparare la cotognata

Ed ora arriviamo alla domanda: come preparare la cotognata? Per preparare la cotognata, le mele vengono sbucciate, pulite dal torsolo e bollite a pezzetti in acqua e zucchero. Quando si sono sciolte, si trasformano in una gelatina solida. Una volta raffreddata è pronta per essere spalmata su pane e fette biscottate oppure mangiata sotto forma di deliziosi cubetti.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te