La crema mani fai da te al limone e malva contro screpolature e secchezza

Col freddo invernale le mani soffrono notevolmente. Screpolature, disidratazione, pelle spaccata e nei casi più gravi ferite dolorose. Questi sono i sintomi di mani sofferenti per le temperature basse.

Ecco perché si dovrebbe essere in grado di proteggerle nel migliore dei modi. Oltre a guanti protettivi che lasciano fuori il freddo, è necessario nutrire le mani in profondità. Le creme in commercio sono numerose e tutte promettono miracoli. Spesso scegliere un prodotto, tra prezzi e ingredienti di cui si capisce poco, diventa impossibile. Ebbene, in questo articolo si rivolve la questione con una ricetta per la crema mani fai da te al limone e malva contro screpolature e secchezza.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Gli ingredienti per farla sono tutti naturali e reperibili a costi minimi. Non ci si dovrà preoccupare di sostanze chimiche dannose o troppo aggressive. La crema mani fai da te al limone e malva contro screpolature e secchezza è quello che ci serve. Con un procedimento molto facile si ottiene una crema davvero efficace e senza controindicazioni.

Anche le mani più delicate ne trarranno giovamento e risulteranno lisce e nutrite.

Limone e malva idratanti e lenitivi

Per sconfiggere il freddo, la crema mani fai da te al limone e malva contro screpolature e secchezza ha pochi rivali. La ricetta richiede questi ingredienti reperibili in erboristeria:

  • 25g di succo di limone;
  • 25g di estratto di malva;
  • 4g di burro di karitè o cera d’api pura;
  • 20ml di infuso di camomilla;
  • 6g di glicerina vegetale.

Il procedimento

In un pentolino sciogliere la cera (o il burro di karitè). Con uno stecchino o una palettina di legno mescolare fino allo scioglimento completo della cera. Fare attenzione che non venga raggiunto il punto di fumo. Se la cera comincia a fare fumo, immediatamente abbassare la fiamma.

Una volta che il burro o la cera si sono sciolti, si possono aggiungere gli altri ingredienti. Bisognerà mescolare fino a che si formerà una crema fluida, ma non troppo liquida. Una volta fredda, la crema è utilizzabile sin da subito. L’applicazione può avvenire più volte durante la giornata. Evitare sempre il contatto con occhi e bocca. Può essere conservata in barattolini di vetro o plastica con chiusura con tappo avvitabile.

 

Approfondimento

Sei alternative naturali al dentifricio che ti sorprenderanno

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te