La corsa della Borsa e l’ostacolo di Fitch: spread e azione bancarie saranno una cartina di tornasole. Ecco cosa attende Piazza Affari

La corsa della Borsa e l’ostacolo di Fitch: cosa accadrà oggi dopo queste news?

In serata a sorpresa la terza delle tre agenzie di Rating, Fitch, ha declassato il debito pubblico dell’Italia di un gradino. Adesso è a un passo dalla definizione di spazzatura (junk bond). Il downgrade è un ostacolo sulla corsa della Borsa italiana che nelle prime due sedute della settimana aveva mostrato volontà di rialzo. Oggi l’andamento dello spread e delle azioni bancarie saranno una cartina di tornasole. Vediamo perché.

La corsa della Borsa e l’ostacolo di Fitch: spread e azione bancarie saranno una cartina di tornasole

Ieri la Borsa italiana ha chiuso in rialzo dell’1,7%. Ma cosa ancora più importante e che a metà giornata i prezzi avevano toccato un massimo oltre 17900 punti. Un massimo ad un passo dalla soglia dei 18000 mila punti che da oltre un mese i prezzi dell’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) cercano di superare. La violazione di questa soglia permetterebbe al listino milanese di innescare una fase rialzista che avrebbe come primo obiettivo area 21.350 punti. A questo livello l’indice Ftse Mib chiuderebbe il gap aperto dai prezzi nella seduta del 6 marzo.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Nelle due ultime sedute per la Borsa italiana sembrava essere arrivato il momento di un nuovo allungo. Sedute favorite dal sostanziale giudizio favorevole che venerdì aveva dato l’agenzia di rating S&P sul nostro debito pubblico. Adesso quello di Fitch rischia di complicare le cose.

Sono due gli elementi che devono essere valutati nella seduta di oggi: lo spread e l’andamento dei titoli azionari bancari. Solo con il calo del differenziale tra rendimenti dei BTP e del Bund la Borsa italiana potrà salire. E solo con il progresso dei prezzi delle azioni bancarie questo rialzo potrà dirsi solido. Se lo spread non dovesse calare, o peggio risalire, i titoli azionari bancari ne risentirebbero negativamente, zavorrando la Borsa. Questa è una equazione quasi matematica.

Le attese per la seduta di oggi

Gli occhi degli operatori oggi saranno tutti per lo spread e per l’andamento dei titoli bancari. Da un paio di sedute questi sono in deciso progresso e oggi sono chiamati alla conferma dei rialzi fatti in questa settimana. L’indice giapponese Nikkei 225 oggi ha chiuso sostanzialmente in parità, condizionato dal calo di mezzo punto percentuale delle Borse americane. Mentre le Borse cinesi hanno terminato in leggero progresso. Ad un’ora dalla apertura delle contrattazioni, il future sull’indice tedesco Dax è in buon progresso e lo stesso vale per l’americano S&P500. Dall’Europa arrivano segnali positivi. E in Italia?

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.