La corsa al rialzo delle azioni A2A è solo all’inizio, ma attenzione agli investimenti di lungo periodo

Il 10 marzo il nostro Ufficio Studi pubblicava un report dal titolo A2A potrebbe essere vicina alla svolta rialzista con potenziale di oltre il 60%. Da quella data il titolo ha guadagnato il 20%, ma la corsa al rialzo delle azioni A2A è solo all’inizio.

Come si vede dai grafici seguenti, infatti, le proiezioni sono al rialzo sia sul time frame settimanale che quello mensile. La massima estensione di queste proiezioni si trova in area 3,84 euro e, quindi, prevede ampi spazi di apprezzamento. Nel caso in cui venga raggiunto il massimo obiettivo rialzista le quotazione di A2A potrebbero più che raddoppiare. Solo una chiusura settimanale inferiore a 1,556 euro farebbe accantonare lo scenario rialzista.

La forza del titolo viene da molto lontano. Negli ultimi cinque anni, infatti, ha sempre fatto meglio del settore di riferimento. Inoltre allo stato attuale l’analisi basata sui multipli di mercato restituisce una sottovalutazione di fondo rispetto ai suoi competitors. Un altro punto di forza del titolo è il rendimento del suo dividendo che allo stato attuale è di circa il 5%.

Anche gli analisti sono molto positivi sule azioni A2A. Il consenso medio, infatti, è comprare, anche se l’obiettivo di prezzo medio esprime una sottovalutazione solo del 5%.

Nonostante queste ottime indicazioni, A2A non rappresenta un buon investimento per il medi/lungo periodo. Da studi statistici, infatti, si evince che a 5 e 10 anni la probabilità di un investimento di tale durata sia positivo è il 43% e 20%, rispettivamente.

La corsa al rialzo delle azioni A2A è solo all’inizio: Le indicazioni dell’analisi grafica

A2A  (MILA2A) ha chiuso la seduta  del 9 marzo a quota 1,431 euro in rialzo dello 0,35%  rispetto alla chiusura della seduta precedente.

Time frame settimanale

a2a

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

a2a

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te