La chiamano la dieta dei 100 anni ma il bello è che non funziona solo con la tavola 

Purtroppo, il fatto che l’Italia stia pagando un tributo così alto di morti alla pandemia è dovuto al fatto che siamo un paese di vecchi. Proprio in queste ore, l’ISTAT ha reso noto che il 2020 è stato l’anno che ha visto nascere meno bambini dall’Unità d’Italia in poi. La chiamano la dieta dei 100 anni ma il bello è che non funziona solo con la tavola, ma anche con una serie di accorgimenti. Vediamo assieme ai nostri Esperti della Redazione perché i ricercatori di tutto il mondo convergono su questo nuovo stile di vita.

Poche proteine e tante fibre

Due recenti studi incrociati, uno giapponese e l’altro californiano, hanno puntato il dito sull’importanza di assumere poche proteine e tante fibre. Questa unione di rinuncia da una parte e sovrabbondanza dall’altra, sarebbe una delle principali fonti di giovinezza. Con un’incidenza più bassa di tumori, soprattutto allo stomaco, al pancreas, all’intestino e al colon retto. Tra le proteine animali, sarebbe opportuno scegliere quelle del pesce. Le, fibre, invece dal canto loro, hanno il beneficio di mantenere equilibrata la flora batterica intestinale.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Sole e olio extravergine di oliva

La chiamano la dieta dei 100 anni ma il bello è che non funziona solo con la tavola, ma anche prendendo il sole. Questa volta lo studio è britannico e canadese e sottolinea l’importanza della vitamina D. Assunta a tavola, ma anche con l’esposizione al sole. Secondo i ricercatori l’olio extravergine di oliva e il sole del Mediterraneo sono gli alleati principali degli ultranovantenni di questa zona dell’Europa. Non solo italiani, ma anche greci e spagnoli, tra i centenari in salute, che approfittano maggiormente della presenza del sole e utilizzano olive e olio extravergine quotidianamente.

Attività fisica e lavoro all’aria aperta

Chiudiamo con l’ultimo punto davvero interessante, questa volta rimarcato dall’università giapponese di Okinawa. Uno dei segreti della longevità dei popoli mediterranei, rispetto agli europei continentali, non è solo l’attività fisica o sportiva. Ma, una vita di lavoro all’aria aperta, magari a contatto col mare. Infatti, marinai, pescatori e lavoratori dell’indotto marino, uniti agli agricoltori delle viti e degli ulivi mediterranei, si dimostrano più longevi e in salute di tutti gli altri.

Approfondimento

È decisamente uno dei frutti più dolci della stagione ma non facciamo questo errore quando lo consumiamo

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te