La cattiva abitudine della Pubblica Amministrazione che ci manda su tutte le furie

Da quindici anni le imprese lamentano un problema cronico: la Pubblica Amministrazione non rispetta i tempi di pagamento. Scopriamo le principali cause che hanno originato la cattiva abitudine della Pubblica Amministrazione che ci manda su tutte le furie. Ebbene, l’Ufficio Studi della CGIA ha individuato svariati motivi: mancanza di liquidità, ritardi intenzionali, inefficienza, contestazioni delle fatture. Inoltre la Pubblica Amministrazione,  ultimamente, chiede in modo espresso, alla stipula del contratto, tempi di pagamento superiori, senza applicazione di interessi di mora.

Infine, un’altra brutta abitudine, è di ritardare l’emissione degli stati di avanzamento lavori, in modo da far posticipare anche i tempi di pagamento. La Corte di Giustizia Europea, per questo malcostume tutto italiano, ha condannato la Pubblica Amministrazione, ma la situazione sicuramente non è cambiata, anzi peggiora di anno in anno.

Quanti debiti ha la Pubblica Amministrazione

Molti si chiedono quanti debiti abbia accumulato la PA ma a questa domanda nessuno sa rispondere. Eppure, le imprese per ottenere i pagamenti, fanno regolare fattura elettronica, quindi l’ammontare del debito della PA sarebbe facile da quantificare. Invece, il MEF non ha proprio idea di quanto essere.

L’Eurostat valuta 47,4 miliardi di debiti la parte corrente

L’Eurostat ha calcolato che i debiti per la parte corrente risultano essere pari a 47,4 miliardi di euro negli ultimi 4 anni. I debiti commerciali aumentano in modo costante anno dopo anno e nessuno fa niente. A questa somma va aggiunta la quota riferita al conto capitale. Le nostre imprese faticano a farsi pagare dalla Pubblica Amministrazione e nessuno concretamente interviene.

C’è una soluzione?

Le promesse politiche ormai non si contano, le Amministrazioni Pubbliche a parole prendono impegni, ma le imprese non ottengono le spettanze. La CGIA, intanto, non perde tempo e lancia un’idea per risolvere questo annoso problema. L’associazione consiglia di prevedere per legge la compensazione tra i debiti della PA nei confronti delle imprese, e le passività fiscali e contributive di quest’ultime.

La cattiva abitudine della Pubblica Amministrazione che ci manda su tutte le furie

La Pubblica Amministrazione non si comporta diversamente neanche in questo contesto storico. Anzi la situazione è peggiorata rispetto al passato a tutti i livelli. Ora, gli imprenditori hanno un diavolo per capello in più.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te