Italia: recessione o boom economico?

L’orrendo dato odierno sulla produzione industriale dell’Italia ha scatenato il dibattito sulle aspettative riguardo al ciclo economico che attende il nostro paese.

Certamente un -1,6% mensile vs -0.3% e un annuale a -2,6% vs +0,2% sono alert non indifferenti.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Comunque, visti anche i recenti dati positivi su altri fronti importanti e l’ottimo esito dell’asta dei BTP il giudizio va a mio parere sospeso.

Da un eccesso all’altro: siamo in Italia!

Siamo nell’era degli eccessi e delle realtà gridate, questo è vero!

Ma da qui a parlare a seguito di una singola rilevazione anno su anno o mese su mese di recessione ovvero al contrario di boom economico è certamente eccessivo.

Come sempre scriviamo, sono e saranno necessarie conferme.

Ed al momento conferme di almeno tre mesi se non tre trimestri non ve ne sono.

Va comunque rilevato che il dato di oggi è il peggiore dal 2015, questo sì.

Da Barclays al governo: meno banalità

Il richiamo di Barclays a una possibile recessione se i dati si ripeteranno per tre trimestri è quanto di più banale e scontato si potesse attendere.

Detto che la banca inglese è stata salvata per i capelli e nazionalizzata a suon di stampa di sterline fior di conio e quindi può avere al suo interno una certa esperienza nel leggere i segnali recessivi…

D’altro canto il governo con la sua manovra, tra pensioni, reddito di cittadinanza, Flattax per le partite IVA ha scommesso sugli italiani.

Da qui però a parlare con leggerezza di boom economico ce ne corre.

Tanto più da un Ministro non specificamente deputato ai temi economici.
Va bene evitare le trappole e rispondere a queste esternazioni straniere di pessimismo ma con dati oggettivi nel rispetto dei ruoli e delle competenze….

Recessione o boom in Italia? Rimane il dubbio timing

Il vero dubbio per intuire verso quale direzione si viaggia con maggiori probabilità è legato al timing.

Sono due i fattori che legati al tempo potranno determinare le sorti economiche del nostro paese:

– stabilire in che tempi la manovra del governo sortirà gli effetti desiderati è studio più complesso di determinarne la misura.

Proprio per questo il governo dovrà continuare a perseguire una politica del lavoro convinta e dagli effetti di breve termine.

– se il contesto globale dovesse segnare un rallentamento economico diffuso non sarà certo l’Italia a poterlo evitare.

Il nostro paese dal 2008 non ha mai veramente intrapreso un percorso di crescita stabile come, per esempio quello americano o anche solo britannico e tedesco.

Qualche timido segnale ogni tanto ma nulla di costante e dal peso specifico significativo. Come poi, ogni trimestre, confermato dal PIL.

Solo i prossimi mesi fortemente condizionati anche dall’andamento globale al dunque ci daranno le risposte.

Approfondimento

Attese sui mercati

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te