Italgas: dopo i massimi storici scappare dal titolo?

Italgas (IG.IT) ha chiuso la seduta del 8 gennaio a 5,122€ in calo del 1,58%. Il ribasso viene dopo che le quotazioni hanno segnato il massimo storico a quota 5,244€.

La debolezza del titolo è da attribuire a un anno troppo caldo (il 2018) e al conseguente giudizio sulle utility di Kepler Cheuvreux. Quello appena conclusosi, infatti, è stato  un anno fra i più caldi del periodo 1981-2010. Un aumento delle temperature medie ha significato un minore consumo di gas con conseguente minor consumo di gas. Se a questo dato si aggiunge il raggiungimento di nuovi massimi storici, si capisce come Kepler Cheuvreux abbia ridotto il consenso da BUY a Hold con prezzo obiettivo in area 5,3€.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Le motivazioni per il downgrade di Kepler Cheuvreux

Nelle sue valutazioni, riportate da MilanoFinanza, Kepler ha tenuto conto dei seguenti argomenti

Italgas è il più grande player italiano con una quota del 34% nella distribuzione di gas, un mercato completamente regolamentato (6,2 miliardi di euro di Rab attesi nel 2018). Nel periodo 2018-2024, secondo il piano presentato a giugno 2018, il gruppo investirà 3,6 miliardi di euro (capex) con una Rab (Regulated Asset Base) prevista in crescita (Cagr) del 2%. Italgas , guidata dall’ad, Paolo Gallo, continuerà a concentrarsi sull’efficienza dei costi e sulla sua struttura finanziaria.

Per il broker, il principale catalizzatore del titolo è il consolidamento della distribuzione del gas in Italia attraverso le acquisizioni e la partecipazione a gare (che continuano a essere in ritardo). Il gruppo ha preventivato 2 miliardi di euro di capex nell’ultimo piano industriale per la crescita esterna. E in effetti lo scorso 28 dicembre ha annunciato un accordo per acquistare 19 concessioni nell’Italia centrale e meridionale e in Sardegna, con oltre 50.000 nuovi utenti, mentre nel biennio 2017-2018, Italgas  ha acquisito 190.000 nuovi utenti, in pista per raggiungere l’obiettivo di 250.000 nel 2019. Sul fronte del dividendo, nel biennio 2018-2020, la cedola sarà il più alto dei valori fra il dividendo per azione 2017 (0,208 euro) aumentato del 4% all’anno o il dividendo per azione risultante da un payout ratio del 60%.

Il giudizio di Kepler è in accordo con quello degli analisti di cui abbiamo riportato in un precedente articolo, Italgas: pausa in arrivo, ma 2019 al rialzo.

Analisi tecnica e previsioni sul titolo Italgas

La seduta dell’8 gennaio potrebbe essere ricordata a lungo per essere stata un punto di svolta per le quotazioni di Italgas.

Il 7 gennaio il titolo aveva segnato nuovi massimi storici e rotto al rialzo l’importantissima resistenza in area 5,1809€ (I° obiettivo di prezzo). Un ottimo segnale rialzista. Purtroppo l’8 gennaio ha negato il segnale rialzista rompendo al ribasso l’ex resistenza, ora supporto. A meno che, quindi, si assista a un altro brusco violento strappo al rialzo, le quotazioni potrebbero scendere almeno fino in area 4,9653€. A seguire, poi, ci sarebbe area 4,8€.

Al rialzo, invece, la rottura di area 5,1809€ aprirebbe le porte fino al II° obiettivo di prezzo in area 5,75€.

Nei prossimi giorni monitorare con attenzione i livelli indicati.

Italgas: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

Italgas: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te