Ipertensione, calcoli renali, osteoporosi, carie dentale, stitichezza e difficoltà digestive si possono contrastare anche bevendo acqua minerale ed ecco come sceglierla

L’estate è alle porte e l’attenzione torna a focalizzarsi sull’importanza di bere per idratare il nostro corpo e mantenerlo in salute. È importante bere tutto l’anno, ma in estate questa esigenza diventa più pressante per reintegrare i liquidi che si perdono attraverso la sudorazione. Come capire se l’acqua che acquistiamo è la più adatta alla nostra salute? Ipertensione, calcoli renali, osteoporosi, carie dentale possono trarre beneficio anche dall’assunzione della giusta acqua minerale. Sicuramente non ne esiste una migliore per tutti, ma ogni tipo soddisfa esigenze particolari dell’organismo.

Leggere le etichette

Le acque minerali non sono tutte uguali. Ci sono quelle lisce e quelle frizzanti, quelle leggere e quelle ricche di sali minerali. Per scegliere correttamente dobbiamo imparare a leggere le etichette e ad interpretare i valori indicati.  Un importante parametro di classificazione è il residuo fisso che indica la quantità di sali minerali presenti in un litro d’acqua fatta evaporare a 180 gradi.

Le acque oligominerali hanno un residuo fisso compreso tra 50 e 500 milligrammi per litro. Sono le acque leggere che stimolano la diuresi e depurano l’organismo. Vengono invece classificate come mediominerali le acque con un residuo compreso tra 500 e 1500 mg/l, e ricche di sali minerali quelle con un residuo superiore a 1500 milligrammi. Le acque oligominerali sono indicate per coloro che soffrono di calcoli renali o che seguono una dieta povera di sodio, come gli ipertesi, per fare degli esempi.

Ipertensione, calcoli renali, osteoporosi, carie dentale, stitichezza e difficoltà digestive si possono contrastare anche bevendo acqua minerale ed ecco come sceglierla

Le acque si classificano anche in base alla ricchezza di un singolo sale minerale. Calcio, magnesio, sodio, bicarbonato, ferro e fluoro sono le sostanze presenti in maniera significativa nell’acqua minerale. Come contribuiscono al mantenimento della nostra salute?

Le acque ricche di calcio sono utili per rafforzare il tessuto osseo e sarebbero indicate per i bambini, durante le gravidanze e per le donne anziane come forma di prevenzione dell’osteoporosi. Le acque ricche di magnesio avrebbero un potere lassativo e aiuterebbero a contrastare la stitichezza. Invece, le acque ricche in fluoro proteggono i denti e lo smalto e potrebbero prevenire la formazione di macchie. Per tutti coloro che praticano sport sono indicate le acque ricche di minerali, che permettono di reintegrare le sostanze perse con la sudorazione.

Altro importante valore è il pH, che misura il grado di acidità dell’acqua. Un valore pari a 7 indica un’acqua neutra, inferiore a 7, acida, superiore, alcalina. Le acque alcaline migliorano la digestione contrastando l’acidità e sono indicate per chi soffre di gotta.

Infine, una piccola curiosità: non è vero che l’acqua frizzante abbia proprietà digestive anche se il gas favorisce l’espulsione dell’aria.

Lettura consigliata

Mal di testa, nausea e vertigini non si associano solo alla cervicale ma potrebbero essere spie di disturbi da non trascurare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te