Invece che bicarbonato, candeggina o acido citrico ecco come sbiancare la plastica ingiallita di sedie e tavoli da giardino

La stagione estiva è quasi alle porte e siamo pronti a goderci il relax del nostro giardino. È arrivato il momento di dare una ripulita, restaurare il gazebo e tirare fuori i mobili. Abbiamo pensato di cambiarli una volta per tutte, ma con tutte le spese e i rincari non è proprio il caso.

Avevamo scelto gli arredi di colore bianco perché sempre bellissimi e raffinati. Il problema è che stando sempre sotto il sole hanno preso un colore sbiadito e giallognolo. Non proprio l’arredo che speravamo di mostrare sul nostro bel terrazzo o in giardino.

Abbiamo provato in tutti i modi a sbiancarli, ma nulla sembra funzionare, tant’è che avevamo perso le speranze. Ci eravamo rassegnati a tirarli fuori e coprirli con tovaglie riadattate, cuscini e chi più ne ha più ne metta.

Invece che bicarbonato, candeggina o acido citrico ecco come sbiancare la plastica ingiallita di sedie e tavoli da giardino

Ma in realtà non abbiamo provato proprio tutti i rimedi per far tornare come nuovi gli arredi in plastica. In tanti non lo sanno, ma esiste un prodotto che potrebbe davvero fare la differenza.

Non è troppo aggressivo, infatti lo usiamo sui capelli

Sembra impossibile eppure è proprio così. Stiamo parlando dell’acqua ossigenata emulsionata, il famoso ossigeno per le tinte per capelli. Abbiamo già visto la sua efficacia per sbiancare le suole ingiallite delle sneakers. Alzando un po’ i volumi potremo avere lo stesso effetto sbiancante anche sulla plastica dei mobili da giardino.

Non dovrebbe danneggiare le nostre sedie e tavolini perché utilizzeremo quello a 30% volumi. Però, è sempre bene fare una prova su una parte più nascosta. Magari testiamone l’efficacia vicino alla base di uno dei piedi di una sedia.

Occorrente per le sedie e i tavoli:

  • Pennello;
  • pellicola alimentare;
  • acqua ossigenata emulsionata 30% vol (per le tinte);
  • rotolo di alluminio.

Procedimento:

Versiamo l’ossigeno in una ciotola, potrebbe servirci più di un flacone se bisogna sbiancare più oggetti. Ma comunque un flacone da 1.000 ml costa intorno ai 5 euro, quindi il prezzo è contenuto. Preleviamone un po’ con il pennello e stendiamo l’ossigeno su tutta la zona da sbiancare.

Per aumentarne l’efficacia sarebbe bene avvolgere tutta la zona trattata con la pellicola alimentare. E poi esporre i vari oggetti alla luce UV, come quella dei fornetti per le unghie. Se non abbiamo a disposizione una lampada del genere, useremo la luce solare.

Rivestiamo un pannello di cartone o legno con dei fogli di alluminio. Posizioniamo le sedie a ridosso del pannello e lasciamole al sole per almeno 24 ore. Dopodiché laviamo il tutto con acqua fredda e ammiriamo il risultato.

Insomma, invece che bicarbonato, candeggina o acido citrico basta procurarsi l’acqua ossigenata emulsionata. È facile da reperire, ormai non si trova soltanto nei negozi specializzati per parrucchiere. In poco tempo e ad un costo contenuto potremo far ritornare bianchi tutti i mobili di plastica che vogliamo.

Approfondimento

Ne bastano 3 cucchiai in un secchio d’acqua ed ecco che fughe e piastrelle di bagno, cucina e terrazzo torneranno bianchissime

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te