Inutile ricordare che sbagliare questo passaggio impedisce alle piante di crescere bene

“Mi raccomando: tanta luce e acqua abbondante”. È la frase tipica che ci sentiamo dire quando acquistiamo la maggior parte delle piante e dei fiori con cui abbellire casa. Ma, la sopravvivenza di queste creature non dipende solo da acqua e sole, per quanto fondamentali. Inutile ricordare che sbagliare questo passaggio impedisce alle piante di crescere bene: un buon terriccio. Eh sì, perché se non vogliamo che la pianta diventi usa e getta, non possiamo sbagliare la terra. Un po’ come succede con noi umani per l’alimentazione. Il paragone è quello. Vediamo allora coi nostri Esperti cosa fare perché la pianta sopravviva in salute.

Un terriccio inadeguato crea solo danni

Inutile ricordare che sbagliare questo passaggio impedisce alle piante di crescere bene, negando loro addirittura la vita. In molti forse troppi, acquistiamo il terriccio economico del supermercato. Cosa compone questi sacchi? La torba. Leggera da trasportare, comoda da usare, ma con due difetti importanti:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina
  • si sfalda quando si secca, diventando addirittura impermeabile;
  • se troppo bagnata, addirittura si allaga.

Questo, cosa vuol dire? Che rischiamo di soffocare le povere radici, le quali, portate allo stremo, vanno ko. E addio pianta. Ma, di pari passo con la terra sbagliata, ecco il secondo errore che determina la morte della pianta: il drenaggio sbagliato.

Perché il drenaggio è così importante

Terriccio drenante e sistema di drenaggio sono alla base della salute delle radici delle piante. Soprattutto quando parliamo di piante in vaso. Se siamo disperati perché la piantina ci ha lasciati, la colpa può essere anche di queste azioni. In termine tecnico parliamo di “marciume radicale” e, accade proprio perché l’acqua annega la pianta. Perché accade soprattutto nelle piante in vaso? Semplicemente a causa dell’acqua data in abbondanza, che ristagna sul fondo. Ecco, allora che un buon drenaggio per le piante in vaso è legato a:

  • utilizzo di vasi dotati di buchi sul fondo;
  • svuotamento del sottovaso dopo una ventina di minuti dall’innaffiatura;
  • uso, come dicevamo sopra, di un terriccio drenante, o, anche di ghiaino e sabbia.

Approfondimento

2 piante evergreen che ci daranno grandi soddisfazioni

Consigliati per te