Intesa Sanpaolo può salire di un altro 40% prima di un ritracciamento, ma attenzione alla tenuta dei supporti

La corsa del principale titolo bancario italiano non è ancora finita. Infatti, Intesa Sanpaolo può salire di un altro 40% prima di un ritracciamento. Tuttavia non vanno trascurati i supporti rotti i quali potrebbe dare vita a una discesa di almeno il 40%.

Delle proiezioni di lungo periodo su Intesa Sanpaolo ci siamo già occupati in un precedente articolo e tutto sembra proseguire come da previsione.

Secondo le raccomandazioni degli analisti la raccomandazione media è comprare, ma con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione solo del 7% circa. Siamo di fronte a un titolo, quindi, che in prospettiva è visto molto bene, ma che al momento non ha molti spazi di apprezzamento. Proprio qualche giorno fa UBS ha ribadito che ritiene che il titolo sia un’opportunità Buy con un prezzo obiettivo invariato a 2.45  euro.

Una forte sottovalutazione, invece, arriva dalla valutazione del titolo in termini di multipli di guadagno che con un rapporto prezzo/utili a 12.34 per l’esercizio in corso e 11.94 per l’esercizio 2021 sono molto bassi.

Intesa Sanpaolo può salire di un altro 40% prima di un ritracciamento, ma attenzione alla tenuta dei supporti individuati dall’analisi grafica

Intesa Sanpaolo (MIL:ISP) ha chiuso la seduta del 23 marzo a 2,289 euro in ribasso dello 0,41% rispetto alla seduta precedente.

La proiezione in corso è rialzista e al momento non s’intravedono grossi problemi all’orizzonte. Anzi, la chiusura di marzo, se fosse superiore sui livelli attuali, potrebbe ulteriormente spingere al rialzo le quotazioni.

Visto che sul time frame settimanale la massima estensione rialzista si trova in area 3,26 euro, mentre sull mensile il prossimo obiettivo si trova in area 3,16 euro, lo scenario più probabile è il seguente. Il rialzo prosegue ininterrotto fino in area 3,16/3,26 euro, dopo di che dovremmo assistere a un ritracciamento fino a un obiettivo da andare a calcolare al momento giusto, prima di ripartire al rialzo.

Questo scenario verrebbe meno nel caso in cui la chiusura mensile di marzo dovesse essere inferiore a 2,2459 euro.

Time frame settimanale

intesa sanpaolo

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

intesa sanapolo

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te