Integrare i semi oleosi nella dieta fa bene alla salute

Integrare i semi oleosi nella dieta fa bene alla salute. Vediamo perché.

I semi sono un vero e proprio concentrato di sostanze nutritive. Infatti racchiudono nella loro piccolissima dimensione tutto il nutrimento che farà germogliare la pianta.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

In particolare i semi oleosi contengono un’alta percentuale di lipidi, proteine e carboidrati.

Possiamo consumarne piccole dosi perché sono molto calorici e composti circa per il 30% di grassi. Ma proprio per questo sono un concentrato di sostanze benefiche. Ne bastano pochi ogni giorno per avere grandi benefici.

Paura dei grassi?

I grassi, o lipidi, sono fondamentali per l’organismo. Trasportano le vitamine liposolubili, come la vitamina A, D, E, K ed F. Formano le nostre membrane cellulari e la mielina, sostanza che riveste i neuroni consentendo il funzionamento del sistema nervoso. In più creano il film idrolipidico che protegge l’epidermide dalla disidratazione e dai microorganismi patogeni.

I lipidi diventano nocivi se in eccesso, ma è soprattutto un eccesso di grassi saturi a costituire il problema. Valori alti di colesterolo “cattivo”, ad esempio, possono creare depositi pericolosi nelle arterie. I grassi saturi sono principalmente di origine animale.

Invece i grassi contenuti nei semi oleosi sono insaturi e polinsaturi e contribuiscono ad abbassare il colesterolo cattivo (LDL) e alzare quello buono (HDL). I grassi polinsaturi sono particolarmente benefici, tra questi abbiamo gli Omega 3 e Omega 6. Proteggono cuore, arterie e articolazioni, hanno proprietà antinfiammatorie e molti altri benefici. Sono “acidi grassi essenziali”, perché fondamentali per l’organismo, che però non li autoproduce; deve assumerli con l’alimentazione.

Quali sono i semi oleosi?

Questi semi oltre a offrirci il prezioso contenuto in lipidi “buoni” come i nostri cari acidi grassi essenziali, contengono fibre, proteine, minerali e vitamine.

Tra i più ricchi di sostanze benefiche abbiamo: semi di girasole, semi di lino, semi di chia, semi di sesamo, semi di canapa e semi di zucca.

Integrare i semi oleosi nella dieta fa bene alla salute. Come orientarsi?

Ciascuno è un piccolo scrigno di benessere con diverse specialità, e dovremmo alternarli e utilizzarli spesso. Ne servono piccole quantità, potremmo dire approssimativamente un cucchiaio al giorno. In generale sono consigliati tra i 20 e 30 grammi di semi e/o frutta secca giornalieri.

I semi possono essere usati nelle zuppe, sull’insalata, nello yogurt, uniti ai cereali per creare un muesli. Si possono tritare, frullare o aggiungere verso fine cottura. È possibile creare gustose salse, come ad esempio la tahina, fatta di semi di sesamo. Oppure si possono fare barrette energetiche, o ancora usarli per arricchire il pane fatto in casa. Di alcuni semi si possono usare l’olio o il latte vegetale da essi ricavato.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.