L’INPS in questi casi semplifica le modalità di pagamento dell’invalidità civile

Le difficoltà che la gente incontra tutti i giorni quando deve interfacciarsi con gli uffici pubblici e disbrigare alcune pratiche amministrative sono chiare a tutti.

I cittadini si imbattono, a volte, in vere e proprie disavventure burocratiche. Le cui risoluzioni richiedono a volte giorni. Se non mesi o addirittura anni.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Problematiche vissute non solo dai comuni cittadini ma anche dai diversi soggetti economici. E da tutti coloro che operano nel sistema amministrativo. Dai liberi professionisti ai dipendenti pubblici.

Per cui tra gli obiettivi della Pubblica Amministrazione nel nostro Paese vi è, di certo, anche quello della semplificazione.

Semplificazione vuol dire migliorare il rapporto tra gli utenti e le Pubbliche Amministrazioni. Ottimizzando alcuni passaggi tradizionali che non possono essere messi da parte. Ed eliminando quelli che, invece, possono essere eliminati. Rendendo così il sistema più rapido. Nonché più  semplice ed economico.

In questa direzione, anche grazie all’avanguardia tecnologica, si sta oramai muovendo la Pubblica Amministrazione. Nonché il colosso della Previdenza Sociale, ossia l’INPS.

Quest’oggi, con i Consulenti di Previdenza di ProiezionidiBorsa esamineremo i casi in cui l’INPS semplifica le modalità di pagamento dell’invalidità civile.

L’INPS in questi casi semplifica le modalità di pagamento dell’invalidità civile

I chiarimenti sulla semplificazione delle modalità di pagamento dell’invalidità civile sono arrivati direttamente dall’INPS.

Con il messaggio n. 3843/2020, pubblicato sul sito ufficiale dell’INPS, l’Istituto di Previdenza informa i cittadini sulle semplificazioni nella fase della compilazione della domanda di invalidità.

Secondo la nuova procedura, più semplice, la persona, già titolare di una pensione INPS, non dovrà più comunicare le modalità di pagamento per ricevere il pagamento della prestazione di invalidità civile.

In parole diverse, il cittadino che è titolare di prestazioni pensionistiche già attive in pagamento dall’INPS non è obbligato a inserire un codice IBAN per ricevere la nuova prestazione.

L’accredito dell’eventuale prestazione di invalidità civile arriverà, infatti, in automatico. Secondo le modalità di pagamento prescelte dal cittadino per la pensione INPS.

L’istituto di previdenza precisa che…

Tuttavia, l’INPS precisa che il cittadino, già titolare di pensione INPS, al quale viene riconosciuta anche una prestazione di invalidità civile può, in ogni caso, richiedere la modifica delle modalità di pagamento già in uso.

Può decidere di cambiare il codice IBAN o scegliere una diversa modalità di pagamento.

Tuttavia, è bene precisare che qualora gli importi dei trattamenti previdenziali superino i mille euro, il beneficiario potrà richiedere e ricevere il pagamento solo attraverso strumenti di pagamento elettronici.

Ecco, dunque quali sono i casi in cui l’INPS semplifica le modalità di pagamento dell’invalidità civile.

Approfondimento

Attenzione in questi casi l’INPS non può procedere al prelievo forzoso delle pensioni

Consigliati per te