Inflazione americana: perchè è così bassa?

A quasi dieci anni dalla ripresa della crisi finanziaria, i responsabili delle politiche monetarie a continuano a ritenere che l’inflazione americana sia stranamente tranquilla. Ogni volta che sembrano costruirsi pressioni sui prezzi, come per incanto si dissipano. L’ultimo picco si è verificato a luglio 2018, quando l’inflazione misurata dall’indice delle spese per consumi personali (pce) che la Federal Reserve aveva fissato  2%, era al 2,4%, toccando successivamente anche il 2,9%. Ma da allora, anche se la disoccupazione è rimasta bassa, entrambi i parametri sono rimasti al di sotto del 2%.

Inflazione americana bassa: un piccolo problema per la FED

L’assenza di una grossa pressione dell’inflazione ha rappresentato un piccolo problema per la Fed. Da tempo si parla del fatto che che le pressioni al rialzo dei prezzi deriverebbero dal fatto che l’economia, e in particolare dal mercato del lavoro, si stiano spingendo oltre i propri limiti naturali. In virtù di queste considerazioni, ha aumentato i tassi di interesse nove volte da dicembre 2015. In corso d’opera ha spiegato come i cambiamenti nell’inflazione siano temporanei. Ma l’insicurezza si è acutizzata. La debolezza dell’inflazione è una delle ragioni per cui gli aumenti dei tassi sono in sospeso oggi, con Jerome Powell, presidente della Fed, che sottolinea la necessità di pazienza.

Inflazione difficile da prevedere

L’inflazione è notoriamente “chiassosa” e quindi difficile da prevedere. I prezzi dell’energia, che sono volatili, sono responsabili di gran parte del crollo dallo scorso luglio. Anche l’inflazione pce, che esclude cibo ed energia, è salita a metà del 2018 al 2%, esattamente dove la FED avrebbe voluto. Ma il successivo crollo è stato minimo: un decimo di punto percentuale tra luglio e dicembre.

I dati di Marzo

Il rischio è che questa tendenza, sebbene non di grossa portata, si possa dimostrare persistente.  Il ​​29 marzo sono usciti i dati relativi a gennaio. La Fed di Cleveland stima che mostreranno un’altra leggera caduta.

Il calo dell’inflazione pce potrebbe suggerire un’economia in declino. Ma solo alcune componenti dell’inflazione sono procicliche. I pasti al ristorante, i mobili e gli alloggi sembrano tutti diventare più veloci. Altri prezzi, come quelli dell’assistenza sanitaria, dei servizi finanziari, dell’abbigliamento e dei trasporti, sembrano andare per fatti loro. L’aumento dell’inflazione core pce nella prima metà del 2018 è stato guidato principalmente da tali prezzi “aciclici”, secondo un’analisi di Adam Shapiro della San Francisco Fed. Circa la metà dell’aumento è stata causata dalle variazioni dei prezzi dei contratti di telefonia mobile e delle spese e commissioni più alte per i servizi finanziari, una categoria che include i prelievi sulle carte di credito e sui bancomat.

Quello che sale può scendere.

Un analogo esercizio di Gregory Daco di Oxford Economics, una società di consulenza, rileva che il calo dell’inflazione pce dalla metà del 2018 riflette anche la parte aciclica del mix di inflazione. La componente ciclica dell’inflazione, nel frattempo, non è molto cambiata. Rimane 0,7 punti percentuali al di sotto della media per il 2004-07 (vedi grafico). Tra i segnali di un rallentamento della crescita economica, ci sono anche alcune indicazioni che questa componente potrebbe indebolirsi. Ad esempio I costi di affitto per l’alloggio hanno mostrato alcuni segnali di moderazione, essendo già passati in up-trend.

Inflazione americana: l’enigma degli economisti

In combinazione, queste ricerche potrebbero suggerire che la pressione inflazionistica di fondo non si è abbassata nella seconda metà del 2018. Ma questo rappresenta l’enigma più grande: perché la componente ciclica dell’inflazione è stata così smorzata, data l’apparente forza del mercato del lavoro americano? Questa è la domanda da affrontare per gli economisti, magari prima che possa diventare discutibile.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.