Indennità mensile INPS di 258,82 euro per chi ha figli con questa disfunzione

Esistono diverse forme di sostegno economico INPS per le famiglie in cui un componente presenti particolari requisiti sanitari. Una di queste è l’indennità di comunicazione che si assegna alle persone con sordità congenita o acquisita. Tale forma di sussidio mensile spetta in ragione della problematica e prescinde dai limiti di reddito o dall’età del richiedente. I Tecnici di ProiezionidiBorsa spiegano quando è possibile ottenere l’Indennità mensile INPS di 258,82 euro per chi ha figli con questa disfunzione.

Una indennità che non risente di limiti di reddito o anagrafici

Le prestazioni che l’INPS concede in favore di chi certifica una condizione invalidante risentono spesso di limiti che interessano l’età del richiedente ed il reddito. In alcuni casi tuttavia il trattamento non risente di tali vincoli e si assegna a titolo della specifica minorazione. Per quanto riguarda l’indennità di comunicazione, essa riguarda coloro che presentano una specifica forma di sordità acquisita o congenita. Molte famiglie con figli ipoacusici possono avvantaggiarsi di tale sussidio presentando una specifica istanza all’INPS. In questi casi, è utile verificare la presenza di alcune condizioni sanitarie come indica l’Istituto di Previdenza Sociale.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Indennità mensile INPS di 258,82 euro per chi ha figli con questa disfunzione: requisiti specifici che riguardano la disfunzione

Per l’anno 2021, l’indennità di comunicazione ha assistito ad un lieve aumento raggiungendo la quota di 258,82 euro mensili. Nel 2020, invece, essa corrispondeva a 258,07 euro al mese. Al fine di ricevere tale aiuto, vediamo nello specifico quali sono i requisiti. In base a quanto stabilisce l’Istituto di Previdenza Sociale, nei casi di ipoacusia, cioè di grave compromissione dell’udito ma non completa sordità, l’indennità spetta: ai minori di 12 anni con una ipoacusia superiore o pari a 60 decibel di HTL nelle medie frequenze; nel caso di età superiore ai 12 anni, il livello di ipoacusia deve essere inferiore a 75 decibel HTL nelle medie frequenze.

Se, invece, il soggetto si configura come non udente, l’indennità scatta in maniera automatica. A questi requisiti di tipo sanitario, si aggiungono quelli amministrativi. Difatti, possono richiedere l’indennità coloro che hanno cittadinanza italiana o con residenza stabile sul territorio nazionale; inoltre, l’agevolazione è richiedibile anche dai cittadini stranieri comunitari che sono iscritti all’anagrafe del comune di residenza oppure gli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno di almeno 1 anno come prevede l’art. 41 del T.U. sull’immigrazione. Ecco dunque quando è possibile richiedere l’indennità mensile INPS di 258,82 euro per chi ha figli con questa disfunzione.

Approfondimento

Assegno mensile INPS di 300 euro circa per chi ha figli entro i 18 anni con questi requisiti

Consigliati per te