In una Borsa pronta a testare nuovi massimi annuali c’è un titolo che può mettere il turbo

Dopo Ferragamo ieri è stata la volta di Moncler a volare in Borsa. Le azioni del settore della moda si spingono al rialzo a rotazione. È il segnale che gli operatori internazionali stanno iniziando ad accumulare posizioni su questi titoli. Ieri è stata la volta dell’azienda famosa per il piumino. In una Borsa pronta a testare nuovi massimi annuali c’è un titolo che può mettere il turbo ed è proprio Moncler.

Il titolo Moncler pronto a raggiungere nuovi massimi

Ma prima di analizzare gli scenari dell’indice Ftse Mib, vediamo quali prospettive può avere il titolo della moda in Piazza Affari nelle prossime sedute. Perché in una Borsa pronta a testare nuovi massimi annuali c’è un titolo che può mettere il turbo, Moncler.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

L’azione è vicino ai massimi storici, toccati a febbraio scorso. Il record è stato segnato nella seduta del 19 febbraio, a 54,44 euro. Al massimo storico è seguita una immediata ma contenuta correzione che ha riportato i prezzi in area 48,5 euro. Qui il supporto ha retto ed ha respinto il titolo.

Ieri Moncler ha chiuso a 51,8 euro. Il superamento dei 52 euro riporterà i prezzi sui massimi assoluti a 54 euro. Se poi riusciranno a superare i 55 euro, si spingeranno fino a 60 euro. Al ribasso i segnali d’allarme scatteranno solamente con una discesa sotto 50 euro. In quest’ipotesi, l’azione potrebbe tornare a 48,5 euro e qui, forse, rimbalzare.

Gli scenari per la seduta di Piazza Affari

La Borsa di Milano prosegue spedita verso nuovi massimi. Ieri ha violato la soglia dei 24.000 punti e l’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB), ha chiuso 24.121 punti. Era dal 20 febbraio 2020 che l’indice maggiore di Piazza Affari non chiudeva sopra i 24.000 punti. Se i prezzi riusciranno a superare i 24.225 punti, potranno spingersi a 24.670 punti. Così potranno chiudere l’ultimo gap ribassista lasciato aperto nella caduta dei prezzi del febbraio e marzo dello scorso anno.

A proposito di gap, ieri il Ftse Mib in apertura ne ha lasciato aperto uno. Oggi si potrebbe assistere ad una brevissima correzione dei prezzi, complici le prese di beneficio. Questi potrebbero scendere fino a 23.900 punti. Ma discese fino a 23.750 punti sarebbero considerate solo una poco preoccupante correzione. Diverso sarebbe se scendessero più in basso.

Approfondimento

Questa l’analisi multidays e il punto sui mercati internazionali dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te