In pochi lo conoscono ma questo vino dolce e fruttato è perfetto da accompagnare al dessert

Ogni cena o pranzo che si rispetti si conclude con il dolce, molto spesso accompagnato da un vino dolce. Tra questi, un vino unico nel suo genere e delizioso, che conquisterà ogni palato, è sicuramente il passito. Il passito è una categoria di vini che si ottengono disidratando l’uva prima di fare il vino. In questo modo, il gusto del vino sarà decisamente unico e perfetto per accompagnare il dolce.

Eppure, non tutti sanno che esiste un vino passito prodotto solamente in una ristretta regione della Liguria. Si tratta dello Sciacchetrà, un vino passito originario delle Cinque Terre liguri.

In pochi lo conoscono ma questo vino dolce e fruttato è perfetto da accompagnare al dessert: lo Sciacchetrà

Le Cinque Terre sono cinque paesini di mare in provincia di La Spezia, che dal 1997 l’Unesco ha inserito nella lista del Patrimonio dell’Umanità. Tra le splendide scogliere a picco sul mare cristallino e le pittoresche vie dei paesini, sono tra le mete più amate dai turisti in Italia. Ed oltre al mare e alla natura selvaggia, le Cinque Terre offrono una cucina locale deliziosa.

In questo contesto, tra il pesto e i piatti a base di pesce non possiamo dimenticare lo Sciacchetrà, conosciuto come il vino degli angeli matti. Lo Sciacchetrà è un vino passito DOC perfetto per accompagnare il dolce o per rilassarsi a fine giornata. Con il suo colore giallo e il dolce profumo fruttato è perfetto per concludere in bellezza un pasto con amici o parenti.

Apparentemente, la nascita di questo vino si deve ad alcuni esuli greci che, intorno all’Ottavo secolo a.C., si stabilirono a Riomaggiore.

Ecco, dunque, qual è il vino perfetto per concludere al meglio un pasto lussuoso.

Descrizione e conservazione dello Sciacchetrà

Come abbiamo visto, in pochi lo conoscono ma questo vino dolce e fruttato è perfetto da accompagnare al dessert: lo Sciacchetrà. Questo vino si realizza impiegando tre tipi di uve appassite in inverno, ovvero l’uva di Albarola, Bosco e Vermentino.

Lo Sciacchetrà cambia colore in base all’età, infatti è giallo dorato nei primi 3 anni dalla produzione, poi ambrato dopo circa 10 anni. Ha una gradazione di circa 17% e una lieve tannicità. È dolce, dal retrogusto che ricorda il miele e le prugne, ma non nauseante.

Data la produzione piuttosto complessa e laboriosa, una bottiglia di Sciacchetrà è abbastanza cara, con cifre che partono dai 30-40 euro in su. Eppure, il gusto unico di questo vino vale ogni centesimo speso.

Perciò, se si decide di trascorrere le vacanze alle Cinque Terre, questo è il ricordo perfetto da riportare a casa.

Approfondimento

Questi piccoli borghi paradisiaci circondati da montagne e coste incantate sono la perla della Liguria, mete turistiche affascinanti e senza tempo

Consigliati per te