In pochi avrebbero pensato che si potesse dimagrire divertendosi

Qualche settimana fa abbiamo presentato il salto alla corda come un ottimo metodo di allenamento per perdere peso. Dato che in pochi avrebbero pensato che si potesse dimagrire divertendosi, abbiamo pensato di fornire qualche ulteriore informazione e suggerimento per ottimizzare questo tipo di workout.

Scelta della corda

Nel salto alla corda l’attrezzo indispensabile è appunto la corda. In commercio non ne esiste un solo tipo. Facciamo un po’ di chiarezza e vediamo i diversi materiali tra cui scegliere, e le differenti caratteristiche.

Corda in nylon: leggera ma stabile, è la scelta ideale per un utilizzo fitness. Garantisce una certa velocità ma, se si vuole intensificare lo sforzo, ne esistono anche con pesi ancorati alle maniglie.

Corda in cotone: è molto leggera ed è più indicata per uno scopo ludico.

Corda in cuoio: piuttosto pesante, è consigliata per i professionisti e per chi è già molto allenato. Si tratta della tipologia anche più costosa.

La corretta postura per una esecuzione davvero efficace

Avere una buona postura è fondamentale. Nella vita di tutti i giorni e quando si eseguono degli esercizi. Lo stesso vale dunque anche per il salto alla corda. Allenarsi impostando dei principi base, permette di raggiungere i benefici in minor tempo e di diminuire il rischio infortuni.

Vediamo allora quale posizione assumere per allenarsi con la corda:

  • mantenere la schiena ben dritta;
  • contrarre l’addome;
  • tenere le spalle basse;
  • flettere leggermente le ginocchia;
  • mantenere sempre i gomiti vicini al corpo e gli avambracci ad angolo retto rispetto alle braccia.

I passi e le regole base per saltare la corda

Se in pochi avrebbero pensato che si potesse dimagrire divertendosi, in pochi avrebbero altresì pensato che ci fossero delle regole base.

Come per qualsiasi tipo di allenamento, anche per il salto alla corda sono consigliati almeno 5 minuti da dedicare al riscaldamento iniziale e altrettanti per lo stretching finale.

Anche i movimenti vanno poi eseguiti nella maniera corretta. Ecco i passi base.

Passo alternato: si salta con un piede per volta, sollevando la gamba. È il passo più semplice che si esegue per cominciare e prendere confidenza con la corda.

Full twister: si salta a piedi uniti ruotando il bacino e spostando alternativamente le punte dei piedi prima a sinistra e poi verso destra. Si tratta di una tecnica più impegnativa ma anche più divertente.

Consigli ulteriori

Questo tipo di allenamento è altamente sconsigliato per le donne in gravidanza e nelle persone che presentano problemi alla schiena e alle articolazioni in genere.

Si consiglia sempre di chiedere il parere del medico e di effettuare un check-up generale prima di cominciare qualsiasi tipo di attività fisica.

Trattandosi di un allenamento di tipo cardiovascolare, si potrebbero alternare giorni con il salto alla corda con giorni dedicati ad esercizi tonificanti, come ad esempio l’utilissimo plank.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te