In pensione con quota 90: ecco per chi è possibile

Negli ultimi tempi stiamo assistendo a continui dibattiti sulla previdenza. Tra gli aspetti più discussi troviamo certamente i requisiti minimi per chiedere la pensione. L’accesso sempre più posticipato nel mondo del lavoro, la precarietà diffusa e l’allungamento delle aspettative di vita hanno reso insostenibili i vecchi criteri.

I Governi hanno emanato varie riforme negli anni e di queste, una delle più favorevoli ai lavoratori è stata quota 100. Con questo sistema di calcolo hanno diritto al pensionamento i lavoratori la cui somma tra anni di contributi versati ed età anagrafica sia almeno 100. Proprio in questi giorni infuria la discussione politica sulla sostenibilità di quota 100 e molte forze politiche spingono verso criteri più rigidi. Ma alcuni lavoratori possono chiedere di andare in pensione con quota 90: ecco per chi è possibile lasciare il lavoro con questi parametri. La redazione di ProiezionidiBorsa ve lo mostrerà nelle prossime righe.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

La Fondazione ENASARCO e le pensioni dei rappresentanti

L’ENASARCO è una fondazione che da quasi un secolo gestisce le pensioni degli agenti e rappresentanti di commercio. Ad oggi ENASARCO paga mensilmente oltre 110.000 pensioni che calcola sulla base della somma tra gli anni di contribuzione e l’età del contribuente. Dal 2019 la soglia minima per la richiesta della pensione è una contribuzione di almeno 20 anni ed il raggiungimento di quota 92. Ma l’articolo 14 comma 2 del regolamento ENASARCO del 2017 ha introdotto un pensionamento anticipato. Questa possibilità consente di andare in pensione con quota 90: ecco per chi è possibile e chi, invece, ne resta escluso.

Quota 90 consente di richiedere la pensione con 2 anni di anticipo rispetto alle condizioni ordinarie. Il relativo assegno sarà però abbassato del 5% per ogni anno di anticipo. Potranno richiedere il pensionamento anticipato con quota 90 solo i contribuenti con almeno 65 anni di età e 20 di contributi.

In pensione con quota 90: ecco per chi è possibile

Abbiamo visto che l’ENASARCO colloca in pensione con quota 90: ecco per chi è possibile presentare la richiesta di pensione anticipata. Gli agenti e rappresentanti di commercio con almeno 65 anni di età e rientranti in quota 90 dovranno rivolgersi ad un patronato. Solo queste organizzazioni, infatti, hanno accesso alla piattaforma e potranno calcolare la futura pensione con precisione. L’assegno decorrerà dal mese successivo alla presentazione della richiesta e seguirà i criteri di calcolo contributivi. ENASARCO provvederà ad abbassare l’importo della pensione del 5% per anno di anticipo. Un ex agente con una pensione contributiva di 25.000 euro all’anno percepirà 22.500 euro con quota 90 e 23.750 euro con quota 91. Questa base di calcolo rimarrà valida anche per possibili future richieste di reversibilità.

ENASARCO prevede questa agevolazione a tutela degli associati in difficoltà lavorative a causa dell’attuale crisi finanziaria. Anche l’INPS ha previsto un’iniziativa simile con lo scivolo 2020.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.