In lavatrice ecco quando e dove inserire l’ammorbidente per ottenere un bucato soffice e profumato come non mai

La lavatrice è un elettrodomestico che ha cambiato radicalmente il modo di lavare il bucato. Una macchina indispensabile in ogni casa, che alleggerisce il lavoro e ci aiuta a risparmiare tempo.

Il suo funzionamento è molto semplice. Basta inserire il bucato nel cestello, scegliere il detersivo più adatto (bianchi, colorati, ecc.) e versarlo nell’apposita vaschetta. Ora non ci resta che selezionare il programma desiderato e premere il pulsante di avvio.

Ecco spiegato dove inserire l’ammorbidente

In realtà, non usiamo solo il detersivo, ma anche una serie di additivi che hanno il compito di disinfettare e rendere il bucato più morbido.

Ad esempio, molti di noi utilizzano l’ammorbidente. Parliamo di un prodotto che contiene tensioattivi e che non elimina le macchie, ma ammorbidisce le fibre, rendendo più soffice il bucato.

La vaschetta che contiene il detersivo e gli additivi, è divisa in 3 o 4 scomparti. Come possiamo notare, uno di questi è contrassegnato dal simbolo del fiore. Proprio qui andremo a versare il nostro ammorbidente.

È molto importante utilizzare nel modo giusto la vaschetta. Una corretta manutenzione è un’operazione molto indicata, in quanto l’utilizzo dei detersivi, ammorbidenti e additivi, potrebbe lasciare residui, incrostazioni e danneggiare la nostra lavatrice.

Quindi è necessario effettuare periodicamente una pulizia approfondita. Possiamo estrarre la vaschetta e immergerla in acqua calda e bicarbonato per circa 20 minuti.

In lavatrice ecco quando e dove inserire l’ammorbidente per ottenere un bucato soffice e profumato come non mai

Abbiamo spiegato, quindi, dove inserire il nostro ammorbidente. Ora non ci resta che capire in quale preciso momento il prodotto va versato nell’apposito scomparto.

Sappiamo che la lavatrice preleva l’ammorbidente solo alla fine del ciclo. Ma questo non vuol dire che dobbiamo rimanere tutto il tempo del lavaggio vicino all’elettrodomestico. Quindi è necessario inserire l’ammorbidente prima di iniziare a lavare il bucato, nel momento in cui versiamo anche il normale detersivo. La parte che contiene il nostro additivo, non riceverà acqua fino al momento dell’utilizzo.

In lavatrice ecco quando e dove inserire l’ammorbidente per ottenere un bucato soffice e profumato come non mai.

È importante dosare la giusta quantità di additivi e di detersivo. Se ne aggiungiamo troppo, rischiamo che qualche residuo rimanga sui vestiti.

La quantità di ammorbidente da utilizzare dipende da alcuni fattori. Il peso del bucato, il tessuto, ecc.

Ma è sempre consigliato leggere per bene tutte le istruzioni contenute sul retro del contenitore.

Gli ammorbidenti non sono tutti uguali, infatti se ne utilizziamo uno concentrato dobbiamo necessariamente diminuire la quantità da utilizzare.

Ricordiamo che alcuni tessuti, a contatto con questo prodotto, potrebbero danneggiarsi. Quindi consigliamo sempre di controllare le etichette informative per capire, anche, a che temperatura e in che modo lavare i capi senza danneggiarli.

Un ultimo consiglio

È possibile ottenere un bucato morbido e soffice anche senza utilizzare sempre gli ammorbidenti chimici. Sono molto utili due prodotti che gli italiani, spesso, hanno in dispensa. Parliamo dell’aceto e del bicarbonato.

L’aceto va inserito direttamente nella vaschetta al posto dell’ammorbidente. Igienizzerà il nostro bucato e lo renderà soffice. Il bicarbonato, invece, andrà messo direttamente nel cestello della lavatrice insieme ai panni da lavare.

Approfondimento

Ecco uno stratagemma geniale per rimuovere i residui del fazzoletto di carta dimenticato in lavatrice senza rilavare il bucato

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te