In Italia, questo borgo medievale abbracciato dalle rocce regala esperienze indimenticabili sia a piedi che in volo e merita una visita in primavera

Nella nostra bella Italia si possono scegliere tante località dove trascorrere delle giornate rilassanti. Al mare o in montagna ma anche presso laghi stupendi, vivere momenti indimenticabili sarà davvero facile. Si possono visitare città d’arte oppure parchi e fattorie, ma anche tanti borghi che conservano resti di un passato medievale. Ogni Regione italiana ne ha tanti. Nel Sud se ne trova uno molto particolare. Oltre la famosa Matera, città dei sassi divenuta location molto richiesta per film di vario genere, troviamo in Basilicata altri posti suggestivi.

Un borgo medievale lucano da vedere è Castelmezzano. Questo incantevole paesino ha una particolarità, si trova addossato a delle rocce. Per la loro forma sono chiamate a becco di civetta. La forma di queste è quasi circolare, quindi sembra che abbraccino il borgo. Castelmezzano ha origini greche risalenti al VI secolo a.C. Da allora ha subito varie dominazioni, tra cui quelle saracene, normanne e angioine. Furono soprattutto i Normanni a incidere di più sulla conformazione del borgo. Ancora adesso si può percorrere la scalinata che arrivava fino al castello da loro eretto, di cui rimangono pochi resti. Proprio la posizione del castello normanno, Castrum medianum (castello di mezzo), diede il nome all’insediamento.

In Italia, questo borgo medievale abbracciato dalle rocce regala esperienze indimenticabili sia a piedi che in volo e merita una visita in primavera

Castelmezzano è uno dei più bei borghi della Basilicata e anche dell’Italia. Camminare in tranquillità per i vicoli porta ad ammirare il panorama ma anche alcune chiese risalenti al periodo medievale. Tra le altre, si possono visitare la Chiesa madre di Santa Maria dell’Olmo e la Cappella del Santo Sepolcro. Il borgo è legato al vicino comune di Pietrapertosa soprattutto per due motivi: il sentiero delle sette pietre e il volo dell’angelo.

Il primo è un sentiero lungo circa 2 km. Chi ama il trekking può ammirare la natura in un percorso diviso in sette tappe, fino a Pietrapertosa. Ogni tappa è segnalata da sculture in pietra che diffondono delle musiche e storie locali tratte dal libro Vito ballava con le streghe, di Mimmo Sammartino. Le Dolomiti lucane appariranno al visitatore in tutta la loro bellezza.

Il volo dell’angelo, invece, consiste nell’essere agganciati a un cavo d’acciaio che collega le vette di Castelmezzano e Pietrapertosa. In questo modo si può percorrere a più di 100 km all’ora sospesi nel vuoto la distanza tra i due borghi. Un’esperienza adrenalinica e indimenticabile.

In Italia, questo borgo medievale abbracciato dalle rocce è davvero particolare e una meta da considerare per un weekend in Basilicata.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te