In diffusione la variante giapponese che resiste ai vaccini e le olimpiadi sono a rischio

Proprio oggi è arrivata la notizia: in diffusione la variante giapponese che resiste ai vaccini e le olimpiadi sono a rischio . L’annuncio è sconcertante e non fa che innalzare il livello di attenzione della comunità internazionale sulla questione Covid 19, ogni giorno al centro della polemica e della preoccupazione generale. L’allarme sulla nuova variante è provenuto da Tokyo, dove sembra che il 70% dei contagiati degli ultimi tempi sia stato colpito proprio dalla stessa. La preoccupazione rispetto a questa variante è molto elevata. Secondo gli esperti, resisterebbe ai vaccini e agli anticorpi che si sviluppano in seguito alla guarigione dall’infezione. Insomma, una vera  e propria catastrofe.

Tuttavia (e questo sembra essere l’unico dato positivo), le autorità nipponiche hanno informato il resto del mondo che nessuna persona positiva alla variante ha varcato i confini nazionali nè ha avuto contatti con amici, parenti o, comunque, persone residenti all’estero. Comunque, la situazione va monitorata in quanto, proprio a causa di questo nuovo ceppo, in Giappone, i contagi stanno risalendo al punto che si sono dovute applicare più rigide misure di contenimento.

Giappone informa sulla nuova variante

” In diffusione la variante giapponese che resiste ai vaccini e le olimpiadi sono a rischio”. Questa è la notizia provenuta da Tokyo, che si apprestava ad organizzare le prossime Olimpiadi, per il 23 luglio. L’evento era stato rinviato già lo scorso anno, proprio a casa dell’emergenza sanitaria che ha colpito tutto il mondo. Responsabile del possibile secondo rinvio, questa volta, è un nuovo ceppo denominato Eek.

Esso,  a detta dell’emittente pubblica giapponese, avrebbe causato il 70% dei contagi registratisi nell’ospedale della capitale, il Tokyo Medical and Dental University Medical Hospital. L’aspetto più preoccupante di tutta la faccenda sarebbe la probabile resistenza del medesimo ai vaccini e agli anticorpi sviluppati dai guariti. Tuttavia, la questione è tutta da approfondire sul piano scientifico. Nel frattempo, però, ci dovremmo preoccupare di assicurarci che il Giappone chiuda tutte le frontiere e che lo spazio aereo venga interdetto a persone provenienti dallo stesso!

Consigliati per te