In Cina il settore immobiliare sprofonda?

Bisogna prendere atto che in questo Paese il settore immobiliare ha grossi problemi e questi avranno un impatto non indifferente sulla sua economia in generale.

Dopo il caso eclatante di Evergrande e di altre società minori come Fantasia, una nuova società immobiliare cinese non riesce a rimborsare le cedole su un suo Bond.

“HYCM”/
“HYCM”/

È il caso della società immobiliare Modern Land, la quale per “momentanea crisi di liquidità”, non ha potuto rimborsare interessi su un prestito obbligazionario per circa 250 milioni di dollari.

Questi sono importi rilevanti e di un certo peso, anche se non sono agli stessi livelli di Evergrande.

In ogni caso sono segnali che in questo grande Paese il settore delle costruzioni ed in particolare di quelle “grandi” è veramente in crisi e non si vedono soluzioni accettabili all’orizzonte.

I fallimenti in Cina, purtroppo, come anche nelle economie occidentali saranno molto più frequenti che nel passato.

Infatti, a causa le contingenze del mercato internazionale e delle problematiche legate alla crisi finanziaria scatenata dalla pandemia del Covid 19, in Cina l’economia comincia ad avere dei seri rallentamenti.

In Cina il settore immobiliare sprofonda?

Il numero delle società che falliscono è sempre più in crescita.

Il problema dei fallimenti ed in modo particolare dei dipendenti di queste società, è molto sentito da Pechino. Questo perché il regime comunista non può permettersi di non intervenire a sostegno di questi nuovi disoccupati.

Questi interventi diventano sempre più numerosi, costosi e complicati.

Spostare l’attenzione della popolazione dai problemi interni legati all’economia a quelli esterni relativi alla riunione dell’ultimo lembo di territorio cinese ancora staccato dalla madre patria. Taiwan, per adesso è stata una soluzione vincente.

Questa soluzione può andare bene nel breve periodo ma con il lungo andare avere delle masse di disoccupati nel Paese di mezzo sarà un problema non indifferente per la classe dirigente.

Con l’avvicinarsi del XX congresso del Partito Comunista Cinese, la discussione su quale indirizzo politico prenderà questo immenso Paese sono dietro l’angolo.

Una economia forte e senza masse di disoccupati sarà probabilmente lo standard per l’attuale Presidente Xi Jinping. In cui sarà molto facile mettere a tacere le varie forze di “sinistra” interne al partito.

Con problematiche economiche e sociali aperte, sarà molto più difficile mettere a tacere questa ala estrema.

In Cina il settore immobiliare sprofonda. Per risolvere il problema, la Cina dovrebbe abbandonare, anche momentaneamente, dei dogmi irrinunciabili come quello della proprietà privata. E ricordiamo che in Cina è tutta in mano allo Stato secondo la dottrina comunista.

Solo stravolgendo questi dogmi sulla proprietà si potrà dare fiato al settore immobiliare.

In caso contrario il regime sarà costretto a farsi carico del fallimento di molte società di costruzione con i loro debiti giganteschi.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te