In Borsa il rally d’agosto è una leggenda o esiste veramente? Tutta la verità sul mito del rialzo estivo

E’ avvolto in un semi mistero, quasi fosse una leggenda metropolitana. Si parla del rally d’agosto, ovvero del rialzo che in questo mese le Borse metterebbero a segno. Ma in Borsa il rally d’agosto è una leggenda o esiste veramente? Davvero ad agosto i mercati azionari mettono a segno guadagni importanti? Ecco tutta la verità sul mito del rialzo estivo

In Borsa il rally d’agosto è una leggenda o esiste veramente? Tutta la verità sul mito del rialzo estivo

L’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa ha analizzato l’andamento dei prezzi dei maggiori indici azionari nel mese di agosto degli ultimi 10 anni. Abbiamo fatto l’analisi delle performance nel mese centrale dell’estate rilevando rialzi e ribassi. L’obiettivo era capire se il rally d’agosto è una leggenda o è suffragato da dati oggettivi. Abbiamo preso i tre indici per noi più importanti, l’indice Ftse Mib (INDEX-FTSEMIB), l’indice maggiore europeo, il tedesco Dax e il maggiore indice americano, l’S&P500. Abbiamo analizzato le loro performance nei mesi d’agosto dal 2010 a oggi ed ecco cosa abbiamo scoperto.

Le performance rivelano che il rally d’agosto non è dimostrato

Il risultato è che il rally d’agosto non esiste. I dati non dimostrano che in agosto le Borse salgono. Anzi, è vero il contrario. L’indice Ftse Mib in 10 anni ad agosto ha avuto una performance positiva per 4 volte e 6 volte negativa. L’indice Dax ad agosto è salito per 3 volte e per 7 ha chiuso in perdita. L’S&P500 ha guadagnato 4 volte e ha perduto 6 volte.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Se guardiamo alla performance ci accorgiamo che il maggior guadagnato dell’indice italiano è stato nel 2012 dell’8,7%. Ricordiamo che a luglio Mario Draghi pronunciò il famoso discorso del “whatever it takes” di cui l’Italia era la principale beneficiaria. Non a caso nello stesso mese il Dax guadagnò “solamente” il 2,9% e l’S&P500 il 2%. Per l’indice tedesco quello è stato anche il maggiore guadagno agostano, dal 2010. Mentre per l’indice USA il maggiore rialzo d’agosto è stato nel 2014, del 3,8%.

Le performance negative sopravanzano in numero e profondità quelle positive

Se guardiamo alle maggiori performance negative, quella del 2011 è stata la peggiore per tutti e tre gli indici. L’Ftse ha ceduto il 15,7%, il Dax il 19,2% e l’S&P500 il 5,7%.

Ma l’indice di Piazza Affari ha avuto anche altre performance negative. Nel 2010 ha perso il 6,1%, nel 2015 ha ceduto il 6,8% e nell’agosto del 2018 l’8%. Il Dax nel 2010 ha perso il 3,6%, nel 2015 ha ceduto il 9,2% e il 3% nel 2018.

Per l’indice americano le peggiori performance negative agostane sono più uniformi. Nel 2010 ha ceduto del 4,7%, del 5,7% nel 2011 e del 6% nel 2015.

Vuoi conoscere quali sono le condizioni che permetteranno alla Borsa di Milano di salire ad Agosto? Leggi questo articolo

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.