In bianco o al sugo, con questi segreti le polpette stupiranno tutti perché si scioglieranno in bocca

Dove siano nate le polpette di carne non si sa per certo, probabilmente in Persia, ma di sicuro hanno conquistato tutto il Mondo. Poi ogni regione e Paese ha creato la ricetta del territorio, introducendo qualche ingrediente in più o in meno.

Ad esempio esistono quelle di pane, nate dalla tradizione “povera” del recupero, ma anche quelle pregiate di pesce o di verdure. Ci sono quelle più speziate e dal sapore ricco, che richiama l’Oriente, mentre le preparazioni più classiche prevedono l’uso di pochi e semplici ingredienti.

Può capitare che, nonostante abbiamo seguito tutti i passi di una ricetta tradizionale, il risultato sia deludente. Non poche volte sembrano essere dure come una pallina da tennis e mangiarle diventa quasi una punizione.

La prima causa principale è che l’impasto non è abbastanza idratato o abbiamo aggiunto troppe uova, che finiscono per indurire come il marmo questa pietanza. Oppure le polpette potrebbero avere una consistenza molto gommosa e fastidiosa, probabilmente perché rimaste a lungo sulla fiamma. Per ottenere delle polpette della nonna, perfette e profumate, esistono più trucchetti per non rovinarle di sicuro.

In bianco o al sugo, con questi segreti le polpette stupiranno tutti perché si scioglieranno in bocca

Per avere un risultato straordinario, scegliamo un tipo di macinato gustoso e tenero, come un mix di vitello e manzo, o anche di suino. Per donare morbidezza alle polpette, il primo accorgimento è l’utilizzo del latte nell’impasto. Sia aggiungendolo direttamente ma anche tenendo ammollo la mollica, anche integrale, nel latte. Ma non è l’unico metodo per avere polpette da urlo.

Un altro metodo efficace è inserire, insieme agli altri ingredienti, la ricotta, dal sapore delicato e raffinato che dona un profumo eccezionale. Per chi non gradisce questo elemento, l’alternativa è la patata bollita, schiacciata e mescolata nell’impasto. Entrambi rappresentano dei trucchetti golosi, che non coprono il gusto della carne, ma che rendono le polpette fragranti e tenere al punto giusto.

Un passaggio fondamentale

Ma il segreto non è solo nella preparazione dell’impasto, perché in cottura è facile commettere qualche piccolo errore. Quando mettiamo sul fuoco il soffritto, prima di aggiungere il sugo o il brodo, il passaggio da non dimenticare è fare rosolare le nostre polpette. In questo modo sigilleremo i succhi della carne, che rimarranno all’interno, rendendo le polpette succose e tenere come non mai.

Dopo avere creato una leggera crosticina, allora potremo aggiungere i restanti ingredienti. In bianco o al sugo con questi segreti le polpette stupiranno tutti perché si scioglieranno in bocca. Ricordiamo solo di dare la stessa dimensione a tutte le polpette, per non rischiare che qualcuna possa rimanere più cruda o cotta, e non esageriamo con i tempi di cottura.

Approfondimento

La vera ricetta della buonissima pasta al forno siciliana.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te