In arrivo i tamponi rapidi in farmacia

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Il Ministro della Salute Speranza l’ha annunciato durante la conferenza con le Regioni di ieri. Sappiamo che nelle farmacie di alcune regioni sono già disponibili i test seriologici, ma questa notizia è quella che aspettavamo. Infatti al momento il tampone rapido, che corrisponde al test antigenico, è richiedibile solo in laboratori privati. Con un costo rilevante. Quando arriverà in farmacia è probabile che sia accessibile a un prezzo calmierato.

Come funzionano i test rapidi?

I test rapidi, o tamponi rapidi, sono dei test naso-faringei. Proprio come il tampone molecolare. Ma invece di andare a ricercare l’RNA del virus SARS-CoV2 rilevano la presenza delle sue proteine. In pratica cosa significa? Senza entrare nello specifico delle spiegazioni tecniche, basti sapere che sono molto più rapidi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Infatti per avere il risultato bastano dai 12 ai 15 minuti. Una bella differenza rispetto alle tempistiche di risultato del tampone molecolare di 4/5 ore. E sono attendibili al 98%. Sicuramente uno strumento molto più efficace del seriologico. Si tratta comunque di un test di screening, quindi in caso di positività bisogna comunque fare il tampone molecolare.

In arrivo i tamponi rapidi in farmacia

La sperimentazione è partita a Trento ed è in avvio in Piemonte. Il 5 ottobre è partita la sperimentazione in due farmacie comunali di Trento. L’obiettivo è quello di scoprire in modo rapido i casi asintomatici per bloccare in tempo i contagi.

Dopo l’apripista di Trento, dal 22 ottobre si comincia anche in Piemonte. Sono stati consegnati 10 mila test, a fronte di 1 milione di quelli ordinati. Si comincia nel fine settimana. Bisogna prenotare in farmacia, ma attenzione, non sono a carico del sistema sanitario. Il costo è di circa 43 euro.

Ci si aspetta che nei prossimi giorni la lista delle regioni in cui sarà possibile effettuare il test rapido aumenti. Intanto lunedì si parlerà di includere i medici di famiglia e dovrebbe arrivare anche l’accordo finale.

In questo modo il tracciamento dei contagi sarà più rapido ed efficiente. E sarà più facile distinguere i casi di Covid da quelli di influenza stagionale.

In conclusione, si prevede che i test rapidi saranno più accessibili a tutti gli italiani. Nel frattempo ricordate di seguire tutte le linee guida del governo e mettere sempre la mascherina.

Per avere informazioni su quando aderiranno tutte le Regioni e quando saranno in arrivo i tamponi rapidi in farmacia, restate sintonizzati.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te