Immergersi totalmente nelle rovine di Roma e in un silenzio surreale e inimmaginabile ma non nelle solite città in questa meta diversa dal solito

Con il ritorno della primavera ci sono delle mete particolarmente adatte alle nostre gite. Ci riferiamo in particolare ai siti archeologici che riempiono tutta la nostra penisola. Col ritorno alla normalità anche a livello sanitario, sarà un piacere tornare a frequentare i siti etruschi e romani, solo per fare qualche esempio. Come nel caso di questa meravigliosa cittadina che tutto il Mondo ci invidia e che riesce ad abbinare vestigia sia romane che etrusche. Ma, per tutti i nostri Lettori, appassionati di arte e storia romana, proponiamo oggi una gita che non sia la solita Aosta, ma nemmeno Verona, o Pompei ed Ercolano. Giusto per citare 4 città meravigliose con un altissimo contenuto di storia e arte romane. Immergersi totalmente nelle rovine di Roma, approfittando di una località famosa anche, come tutta la zona, per le sue virtù enogastronomiche.

Più di 2.000 anni di età e non dimostrarli

Aquileia venne fondata dai romani nel 181 a.C. e fu concepita come presidio militare, posto a Oriente contro le avanzate dei barbari. Divenuto poi un centro commerciale molto importante grazie agli scambi fluviali e ai rapporti con le altre città più ricche dell’impero. Proprio la sua notorietà e l’agiatezza dei suoi abitanti attirarono però la vogliosa avidità dei popoli barbari, tra cui i famosissimi Unni comandati da Attila. Nonostante, quindi gli svariati saccheggi e le devastazioni, la meravigliosa Aquileia ha 2.000 anni ma non li dimostra.

Immergersi totalmente nelle rovine di Roma e in un silenzio surreale e inimmaginabile ma non nelle solite città in questa meta diversa dal solito

Tutta la zona degli scavi archeologici ci riporta incredibilmente indietro nel tempo. Camminare in mezzo a questi meravigliosi reperti, con i colori e i suoni della primavera, ci riporterà idealmente indietro nel tempo. Come accade spesso in queste meravigliose località, alla stregua di Pompei ed Ercolano, ci immergiamo completamente in un’atmosfera quasi irreale. Anche ad Aquileia le sorprese potrebbero non essere finite qua, visto che il terreno nasconderebbe ancora altre meraviglie. Dal 1988 è stata inserita tra i siti patrimonio dell’UNESCO. Oltre all’area archeologica, dobbiamo però visitare la Basilica patriarcale, con preziosi mosaici unici al Mondo. Questo splendido edificio, più volte sistemato nei secoli, offre al visitatore delle testimonianze davvero uniche, che resteranno per sempre impresse nella memoria.

Approfondimento

Sulle tracce della nostra storia, dove si fece l’Italia: Asiago e Bassano del Grappa

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te