Il titolo Starbucks è ancora appetibile a Wall Street?

È interessante come alcune aziende non risentano minimamente degli eventi geopolitici ed economici. Un esempio su tutti è il titolo Starbucks, gigante delle catene di caffè degli Stati Uniti. Con gli scenari economici e geopolitici americani che sembrano essersi rasserenati, proviamo ad analizzarne l’andamento a Wall Street e soprattutto a capire se il titolo sia ancora appetibile per gli investitori.

Focus su Starbucks

La famosissima catena del caffè nata a Seattle nel 1971 è attualmente la più grande nel suo genere, con circa 29.000 punti vendita in tutto il mondo e quasi la metà negli Stati Uniti d’America. Chi è stato almeno una volta negli USA saprà benissimo che non si tratta di semplici negozi che servono caffè e pasticcini, ma piuttosto di un ambiente che diventa una ”esperienza per il consumatore”, come recita del resto la mission aziendale.

Evoluzione continua del titolo Starbucks

Starbucks (SBUX) è anche un brand in continua evoluzione e i nuovi concept stores chiamati “roastery” ne sono la conferma. Il primo Starbucks Reserve brand è nato nel 2013 proprio nella città natale Seattle. E dopo quello di Shanghai del 2017, in Italia ha aperto i suoi battenti a Milano nel 2018, dopo anni di attese.

Essendo un’istituzione, non sono mancati i possibili competitor, come ad esempio la cinese Luckin Coffee, di cui abbiamo parlato in un precedente articolo.

Un trend in costante rialzo

Dalla sua IPO nel 1992, il trend è visivamente molto interessante. Fino alla crisi del 2008 è stato in una condizione di crescita sostanzialmente contenuta. Dal 2009 ad oggi invece il titolo è passato da circa 4 dollari per azione a 99$, suo massimo del 2019. In termini percentuali equivale a dire che in 10 anni ha avuto una variazione del 2350%, davvero cifre esorbitanti.

Strico titolo Starbucks

Se analizziamo il grafico dagli inizi di quest’anno, noteremo che il trend è rimasto sostanzialmente invariato, complici anche un tasso di disoccupazione non alto e salari decisamente adeguati. Questo fino al massimo storico di fine luglio, quando è non è riuscito a sfondare quota 100$ per pochissimo.

Grafico titolo Starbucks

Grafico del titolo Starbucks su base annuale

Il mese di agosto non è stato positivo per il titolo ed è per questo che molti indicatori tecnici al momento lo posizionano in opzione “sell” nel breve termine, mentre è assolutamente consigliato nel lungo periodo.

Indicatori di trend del titolo Starbucks

Outlook sul titolo

Con le premesse fatte sembra ovvio che l’azienda abbia tutte la carte in regola per proseguire la sua corsa al rialzo. Ma non mancano le difficoltà.

Da considerare, infatti, un segnale non proprio eccellente che viene dai suoi fondamentali. La crescita delle vendite negli ultimi 5 anni è calata in termini percentuali, portandosi al 5% rispetto alla media del 15% dei precedenti periodi. Tutto ciò in contrasto con il trend nettamente al rialzo delle sue azioni e motivo per cui il titolo Starbucks potrebbe essere considerato sopravvalutato.

Il titolo Starbucks è ancora appetibile a Wall Street? ultima modifica: 2019-09-10T14:25:06+02:00 da Leonardo Bernini
Investing Roma
Investing Roma

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.