Il Superbonus 110% spetta anche a chi non presenta il 730?

Il Superbonus 110% può beneficarne anche il contribuente che non presenta la dichiarazione dei redditi annuali (730 o Redditi)? In effetti è possibile che il contribuente che non paga IRPEF e non è obbligato a presentare la dichiarazione annuale può accedere all’agevolazione al 110%. Analizziamo le possibilità previste dalla normativa.

Il Superbonus 110% spetta anche a chi non presenta il 730: ecco come

Il contribuente “incapiente” è colui che ha un reddito basso e non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi, oppure se presentandola non può beneficiare delle detrazioni.

Questa categoria di contribuente ha comunque diritto ad accedere alle agevolazioni del Superbonus 110%, in base agli ultimi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

La detrazione fiscale è concessa su interventi antisismici e per il risparmio energetico. Coloro che non presentato la dichiarazione 730 o Redditi possono comunque beneficiare del Superbonus con la cessione del credito a terzi o con lo sconto immediato in fattura.

Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Il Superbonus 110% spetta anche a chi non presenta il 730? A precisare questa casistica è stata l’Agenzia delle Entrate nello speciale Telefisco dedicato al Superbonus 110%.

Il caso esaminato riguarda un contribuente che è titolare solo di un reddito di casa familiare che si azzera nella dichiarazione dei redditi con la deduzione pari alla rendita catastale dell’immobile. Quindi, considerato “incapiente”.

Il contribuente nel caso esaminato, ha specificato che i suoi redditi derivano da redditi da capitali e quindi soggetti a imposte sostitutive.

Ma questo è solo un caso, perché in effetti ci sono molti situazioni simili.

Quindi, il Superbonus 110% spetta anche a chi non presenta il 730 o è “incapiente”?

La risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate è positiva, in quanto afferma che il contribuente può optare per la cessione del credito a terzi, se possiede redditi che confluiscono nel reddito complessivo, sebbene non siano soggetti a imposta.

Oppure, può optare per lo sconto in fattura. L’Agenzia delle Entrate nello speciale Telefisco riprende quanto espresso nella circolare n. 24/E del 24 agosto 2020.

Consigliati per te