Il superbonus 110% è utile per salvarci dalle emissioni climalteranti

Tutti gli italiani sono coinvolti sul tema del rispetto dell’ambiente. Il nostro patrimonio edilizio è obsoleto ma nonostante ciò gli sforzi già profusi per la riduzione delle emissioni di CO2 non bastano. Il superbonus 110% è utile per salvarci dalle emissioni climalteranti. Molti di noi in passato hanno utilizzato pratiche innovative per l’efficientamento dell’illuminazione, dei sistemi di riscaldamento e per la produzione di acqua calda. L’introduzione di questi nuovi sistemi non hanno sortito gli effetti sperati perché si sono registrati maggiori consumi per il raffrescamento e per l’uso di elettrodomestici.

Ener2Crowd lancia l’allarme. Secondo gli analisti della piattaforma italiana di lending crowdfunding energetico il patrimonio edilizio compromette la situazione delle emissioni climalteranti. Il 60% del patrimonio edilizio italiano ha più di 45 anni e la progettazione di allora è obsoleta rispetto alle tematiche energetiche ed ambientali.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Notiamo le differenze

Gli analisti di ProiezionidiBorsa hanno appurato che la media dei consumi è di circa 160-230 kWh/mq per una spesa energetica totale di circa 2.500 euro annui per 100 metri quadrati. Prendendo a riferimento questi valori e calcolandoli rispetto agli attuali standard energetici viene fuori che il costo è di 400 euro annui di consumo.

Il divario è lampante, il resto dell’Europa è molto avanti nella riqualificazione energetica a livello civile e residenziale. In Italia si è ancora fermi. La domanda sorge spontanea: il superbonus 110% è utile per salvarci dalle emissioni climalteranti?

Il parere

Secondo Ener2Crowd il superbonus 110% è un grande Piano Marshall. Una occasione irripetibile per l’economia e per l’ambiente dell’Italia. Una opportunità che va presa al volo sfruttando anche il sistema del crowdfunding. Come funziona? Ogni euro investito nel crowdfunding energetico attiva un meccanismo che è in grado di riportare circa 2 euro nelle casse dello Stato, tra gettito IVA e tassazione utile.

Esempio pratico

Una famiglia con un appartamento di 117 metri quadrati fa un investimento di 3.500 euro nell’operazione di riqualificazione energetica. In questo modo produce benefici economici diretti pari a 2.700 euro al primo anno tra risparmi in bolletta e rendimento ottenuto tramite la piattaforma. Logicamente non va dimenticato che si rientra in possesso de capitale investito dopo 12 mesi. E’ una strada da percorrere perché il superbonus 110% è utile per salvarci dalle emissioni climalteranti.

Consigliati per te