Il sistema furbo per pulire le fave fresche senza fare fatica e in un battibaleno

Uno dei prodotti che la primavera ci offre sono le fave. Ne esistono di tante varietà. Sono un ortaggio ricco di proteine e fibre. Inoltre, contengono poche calorie e pochissimi grassi. Si possono mangiare sia cotte che crude.

L’accoppiata per eccellenza è quella composta da fave e scaglie di pecorino, da gustare come stuzzichino durante l’aperitivo. Ma esistono anche varie ricette che prevedono la cottura delle fave. In qualsiasi modo le si vogliano mangiare, le fave vanno pulite. Ecco, quindi, una mini guida che riguarda il sistema furbo per pulire le fave fresche senza fare fatica e in un battibaleno.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Le fave

Le fave sono legumi verde chiaro che si sviluppano all’interno di un baccello. Molto simile a quello dei piselli, il baccello delle fave è però molto più lungo e ha l’interno vellutato. I semi delle fave sono poi ricoperti da una sottile pellicina.

Pulire le fave

Prendere il baccello e staccare una delle due estremità. Partendo dalla venatura centrale, aprire quindi entrambi i lati del baccello. Con delicatezza far scorrere il pollice al suo interno per staccare i frutti. Raccoglierli in una ciotola.

Su ogni legume è presente un piccolo occhiello che serve per tenerlo attaccato al baccello stesso. Esercitando una lieve pressione con le dita su questa escrescenza, si riesce a creare una apertura sulla pelle che riveste il legume. Per maggior comodità possiamo usare anche un coltello e praticare una piccola incisione. A questo punto, partendo dalla piccola apertura ottenuta, staccare tutta la pellicola esterna che avvolge la fava.

Sfruttando questo consiglio furbo, l’operazione risulterà davvero facile e veloce.

Non è necessario pelare le fave se molto piccole.

Conservazione

Ora che abbiamo svelato qual è il sistema furbo per pulire le fave fresche senza fare fatica e in un battibaleno, occupiamoci della loro conservazione. Le fave sono un prodotto molto delicato. Una volta sgranate possono stare in frigorifero per massimo 2-3 giorni coperte con la pellicola trasparente.

In alternativa, per avere fave fresche anche nei mesi a venire, le possiamo anche congelare. Ecco come procedere. Basta farle sbollentare per 4-5 minuti circa. Attendere che siano raffreddate e quindi riporle nel congelatore utilizzando gli appositi sacchetti per alimenti.

Approfondimento

Sempre in tema di verdure e legumi primaverili potrebbe interessare anche questo approfondimento sulle taccole.

Consigliati per te