Il segreto per gustare l’uva in inverno ci arriva da questa ricetta gustosa che ci tramandano le nonne

In questo periodo trionfa sui banchi del mercato e quasi tutti l’abbiamo in casa. Insieme a prugne, fichi e castagne, l’uva è uno dei protagonisti indiscussi sulle tavole autunnali. Ne esistono molte varietà: bianca, rossa o nera. Succosa, dolce e croccante, è una delizia che piace davvero a tanti.

Un grappolino a fine pasto o per merenda è sempre gradito. L’importante è consumarla fresca. A tal proposito, ecco i trucchi infallibili per scegliere l’uva più fresca e non farsi fregare. Bisogna poi lavarla per bene e non commettere questi 2 comunissimi errori per conservarla a lungo ed evitare che ammuffisca.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

In genere l’uva si mangia così com’è: semplice e al naturale. Al massimo si aggiunge qualche acino nella macedonia oppure si utilizza per decorare le crostate. In realtà, chi non prova l’uva preparata in questo modo non sa cosa si perde.

Nelle prossime righe sveleremo un altro modo originale per gustare l’uva. Il segreto per gustare l’uva in inverno ci arriva da questa ricetta gustosa che ci tramandano le nonne.

Uva sotto spirito

Semplice da realizzare, per fare l’uva sotto spirito servono pochi ingredienti. Si tratta di una preparazione davvero molto invitante. Gustata in purezza e nella sua semplicità, è una coccola che possiamo concederci in inverno dopo cena. Possiamo inoltre utilizzarla per  decorare torte, arricchire macedonie e rendere più golosi dessert come creme, gelati, sorbetti e budini.

Croccante e molto aromatica, non deve mancare sulle tavole di Natale perché – si dice- porti bene. Vediamo come prepararla.

Il segreto per gustare l’uva in inverno ci arriva da questa ricetta gustosa che ci tramandano le nonne

Ingredienti

  • 500 gr di uva bianca;
  • 150 gr di zucchero semolato;
  • 1 l di alcol da liquori a 45 gradi (in alternativa rum o grappa);
  • 60 ml di acqua.

Procedimento

Lavare l’uva e staccare tutti gli acini. Quindi asciugarli per bene e sistemare gli acini in vasetti di vetro sterilizzati. Poi, ricoprire completamente con l’alcol. Successivamente, in un pentolino, mettere acqua e zucchero. Accendere il fuoco e far cuocere in modo da ottenere uno sciroppo piuttosto denso. Una volta raffreddato, aggiungere lo sciroppo nei contenitori ed infine, chiuderli ermeticamente.
A questo punto bisogna solo portare pazienza. Conservare in luogo fresco e asciutto per minimo due mesi. Ogni tanto, ricordarsi di scuotere i contenitori in modo che gli acini non si attacchino tra di loro.

Trascorso il periodo di tempo indicato, l’uva sarà pronta da gustare perché ben insaporita.  Una volta aperto il barattolo, conservare in frigorifero.

Per un gusto più aromatico, nella fase di preparazione dello sciroppo, aggiungere una stecca di cannella, dei chiodi di garofano, dell’anice stellato o del cardamomo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te