Il segreto per calmare il nostro cane quando fuori c’è il temporale 

Sono ormai passati due mesi da quando abbiamo dovuto dire addio alla bella stagione. Ormai l’autunno è ampiamente iniziato e, con esso, ahimè, anche il brutto tempo. Novembre è noto, infatti, per essere uno dei mesi più piovosi dell’anno. E dunque saranno frequentissime in questi giorni le piogge ed i temporali, e le attività all’aperto dovranno aspettare diversi mesi prima di poter riprendere.

La paura del tuono

Gli esseri umani sono ampiamente abituati ai fenomeni della natura. A parte quelli più estremi, ovviamente, come i tornado o i cicloni, nella maggior parte dei casi una persona è in grado di comportarsi.

Ovviamente tutto questo è possibile dopo anni di evoluzione della specie. E non ci sta da stupirsi, dunque, se altri esseri viventi non abbiano la stessa confidenza con i fenomeni naturali di noi umani.

Chi, infatti, possiede un animale domestico, cane o gatto che sia, avrà notato, fin dai primi mesi, quanto queste creature siano terrorizzate dai temporali. Chi più e chi meno, tutti mostrano una reazione precisa a questo fenomeno.

Comprendendo la normalità di questo comportamento, seguendo questi atteggiamenti, si potrà stare vicino al proprio cane e aiutarlo a sconfiggere questa paura. Ecco, dunque, il segreto per calmare il nostro cane quando fuori c’è il temporale.

La comfort zone

Il primo consiglio è quello di notare gli atteggiamenti del cane. La maggior parte degli animali, infatti, appena sente un tuono, per prima cosa si rifugia nel suo posto preferito della casa.

Questo è un atteggiamento da assecondare e non da impedire. Inoltre, è consigliabile posizionarsi vicino all’animale e, senza coccolarlo troppo, tenergli compagnia. Sembra troppo semplice, eppure è realmente l’unico atteggiamento che può funzionare senza rischiare di rafforzare involontariamente le sue paure.

In pochi piccoli passi, dunque, ecco svelato il segreto per calmare il nostro cane quando fuori c’è il temporale.

Consigliati per te