Il ribasso delle ultime sedute dove porterà le quotazioni del petrolio?

Il ribasso delle ultime sedute dove porterà le quotazioni del petrolio?

Per la prima volta da fine ottobre 2020, infatti, il prezzo del petrolio ha perso più del 6% in due sole sedute. Se a questo si aggiunge che la settimana ha chiuso al ribasso e nelle ultime 43 era capitato solo 10 volte, allora non deve sorprendere che ci possa essere qualche motivo di preoccupazione.

Sulle ragioni di un possibile ribasso ne abbiamo discusso in un precedente report (Le quotazioni del petrolio sono vicine a un ritracciamento?). Oggi, invece, hanno calcolato gli obiettivi di questo possibile ribasso di breve.

Il ribasso delle ultime sedute dove porterà le quotazioni del petrolio? Gli obiettivi individuati dall’analisi grafica

Il petrolio  (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 19 febbraio a quota 59,24 dollari in ribassi del 2,12% rispetto alla seduta precedente. La settimana, invece, si è chiusa con un ribasso dello 0,39% rispetto alla chiusura settimanale precedente.

Nel breve periodo, time frame giornaliero, il livello chiave da monitorare in chiusura di giornata passa per area 59,03 euro (II obiettivo di prezzo). Come si vede dal grafico, infatti, questo supporto ha retto molto bene alle pressioni ribassiste.

A questo punto, quindi, ci sono due soli possibili scenari di breve.

Il supporto regge e le quotazioni ripartono al rialzo. In questo caso lo stop va fatto scattare nel caso di una chiusura giornaliera inferiore a 59,03.

In caso contrario la discesa potrebbe continuare fino in area 57,41 euro (III obiettivo di prezzo) dove la probabilità di ripartire al rialzo è molto alta.

Per il medio e lungo periodo, invece, non c’è nulla da aggiungere a quanto scritto nei report precedenti. Facciamo solo notare che è stata rotta l’importantissima resistenza in area 56,6 dollari in chiusura settimanale, rafforzando ancora di più lo scenario rialzista.

Conclusione: se si dovessero verificare le condizioni descritte in precedenza sul time frame giornaliero, potremmo assistere a un ritracciamento di breve. Solo una chiusura settimanale inferiore a 48 dollari farebbe invertire al ribasso la tendenza di medio/lungo termine.

Time frame giornaliero

petrolio

Petrolio: proiezione ribassista in corso sul time frame giornaliero. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame settimanale

petrolio

Petrolio: proiezione rialzista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

petrolio

Petrolio: proiezione rialzista in corso sul time frame mensile. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te