Il regista Marco Bellocchio star sulla Croisette con la Palma d’Oro d’Onore

Il Festival di Cannes riporta il cinema al centro della cultura nella post pandemia. Con migliaia di persone sulla Croisette venute da tutto il Mondo per applaudire i vincitori. E vedere da vicino due bellissime attrici, due grandi star. Sharon Stone, regina del palco di Cannes e dell’Amfar Gala 2021. E Tilda Swinton, presente con ben cinque film a questa edizione del Festival. Anche se da questa sera a mezzanotte scattano purtroppo nuove restrizioni per coloro che vogliono entrare in Francia senza aver effettuato le due dosi di vaccino. Anche la nostra redazione Cultura di ProiezionidiBorsa festeggia il regista Marco Bellocchio star sulla Croisette con la Palma d’Oro d’Onore 2021.

Nanni Moretti e non solo a bocca asciutta

La serata finale del Festival del Cinema di Cannes si apre con un solo nome italiano, quello del grande regista Marco Bellocchio, acclamato anche col Leone d’oro nel 2011 alla 68° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Che fra l’altro, ricordiamo, si aprirà in Laguna dal primo settembre all’11 settembre prossimo. Il regista Nanni Moretti, pure amatissimo dal pubblico e dalla critica francese, non ha ricevuto candidatura. Durante la cerimonia di chiusura della kermesse francese con giuria presieduta da Spike Lee, Marco Bellocchio ha appena ritirato la Palma d’Onore visibilmente commosso. Si tratta di un premio d’eccezione, consegnato a pochissime personalità del mondo dello spettacolo. Ad oggi l’hanno ricevuto solo Jodie Foster, Clint Eastwood, Agnes Varda, Francis Ford Coppola, Bernardo Bertolucci, Manoel de Oliveira. A consegnargli il riconoscimento è stato il collega e amico Paolo Sorrentino.

Un ricordo di Michel Piccoli

“Sono felice di ricevere la Palma d’Onore anche se non mi ripaga di nulla perché qui a Cannes ho vinto tante cose”, ha commentato Bellocchio nei giorni scorsi. Nel suo breve discorso a Cannes ha ricordato il grande attore francese Michel Piccoli, che con la bellissima Anouk Aimée ottenne nel 1980 la doppia palma per l’interpretazione de “Il salto nel vuoto”. Ci riuscì grazie alla battaglia del grande esperto di cinema Gian Luigi Rondi, che era in giuria. “Era un critico che noi consideravamo di destra” racconta Bellocchio. “Ma – è giusto ricordarlo – si batté molto perché arrivasse questo riconoscimento”.

Il regista Marco Bellocchio star sulla Croisette con la Palma d’Oro d’onore

Per chi non l’avesse visto, è il momento di rivedere, in streaming,” Buongiorno notte”, il toccante capolavoro di Bellocchio sul rapimento dello statista Aldo Moro. La consegna della Palma d’Oro d’Onore è stata un po’ una fatica per Bellocchio: “Perché non è nelle mie corde mostrarmi celebrato alle platee”. A sostenerlo però c’è stato un amico speciale: il bravissimo attore Pierfrancesco Favino, che con lui ha vissuto l’ultima avventura festivaliera nel 2019, con “Il traditore”.

Consigliati per te