Il punto sui Mercati asiatici e valutari: cosa accade? A cura dell’ufficio studi di XTB

Le valute antipodiche sono sul piede posteriore questa mattina che in parte potrebbero essere assegnate a tassi più elevati dei mutui in Australia dopo che due grandi banche si sono unite a Westpac per farlo. Abbiamo quattro grandi istituti di credito in Australia e tre di loro hanno già scelto di alzare i tassi dei mutui in risposta all’aumento dei costi di finanziamento. Ricordiamo che Westpac è stato il primo ad aumentare i tassi dei mutui la scorsa settimana e ci si poteva aspettare che un altro finanziatore volesse seguire. Infatti, Commonwealth Bank of Australia (CBA) – la più grande banca ipotecaria del paese, insieme all’Australia & New Zealand Banking Group (ANZ) hanno entrambi alzato il loro tasso ipotecario variabile standard di 15 e 15 punti base rispettivamente per i proprietari-occupanti. Perché lo hanno fatto? Mentre la Reserve Bank of Australia ha tenuto in sospeso i tassi per un lungo periodo di tempo in cui le banche dei tassi australiani nel mercato monetario – i costi di finanziamento – sono aumentati allo stesso tempo.

Per Informazioni su XTB online trading

Pertanto, queste banche hanno voluto semplicemente proteggere i loro margini guadagnati con prestiti, ma questi aumenti potrebbero significare che i consumatori potrebbero peggiorare. Ciò è particolarmente vero quando prendiamo in considerazione il fatto che la crescita dei salari reali è stata piuttosto bassa, mentre i prezzi delle case sono caduti di recente – questo potrebbe spingere i consumatori a ricomporre le loro spese a causa di un effetto ricchezza. Detto questo, gli umori peggiorati tra i consumatori in concomitanza con la riduzione delle spese potrebbero convincere la RBA a tagliare i tassi: è per questo che il dollaro australiano è in calo di circa lo 0,3% questa mattina.

La bilancia commerciale australiana è rimasta robusta a luglio e le esportazioni non hanno sofferto nonostante le preoccupazioni legate alle tariffe. Fonte: Macrobond, XTB Research

D’altra parte, abbiamo anche ottenuto numeri commerciali incoraggianti dall’Australia. Hanno mostrato che un surplus a luglio si è chiaramente ridotto da 1937 milioni di AUD rivisti al rialzo a 1551 milioni di AUD, ma questo calo si è rivelato molto più basso del previsto. Complessivamente, il valore delle esportazioni è sceso solo dell’1% mentre le importazioni sono diminuite dell’1% principalmente a causa dell’aumento dei prezzi del carburante. Si noti che le esportazioni rurali hanno rappresentato una parte significativa del calo complessivo delle esportazioni e potrebbe avere qualcosa a che fare con la siccità presente.

Le prospettive a lungo termine per l’australiano non sembrano buone dato il fatto che la coppia si sta muovendo sull’orlo di una nuova ondata di vendite una volta che lo 0,7160 è stato infine rotto. Fonte: xStation5

Sul fronte azionario, dobbiamo notare che il NASDAQ (US100) è caduto mercoledì fino all’1,2% su una diffusa svendita di titoli tecnologici. Ad esempio, Facebook è diminuito del 2,3%, Twitter è sceso del 6,1%, Netflix del 6,2% e Microsoft del 2,9%. Tra le ragioni che stanno dietro un ritiro così severo in caso di Twitter e Facebook ci sono state le udienze del Congresso di Facebook Sheryl Sandberg e il CEO di Twitter Jack Dorsey nel caso relativo alle interferenze elettorali russe nel 2016. Le cascate sono state molto meno gravi altrove con la SP500 (US500) calo dello 0,3% e il Dow Jones (US30) in aumento dello 0,1%. Il rovescio della medaglia, le azioni cinesi e asiatiche complessive hanno risposto nervosamente scendendo il giovedì abbastanza notevolmente. Alle 7:02 am BST lo Shanghai Composite è sceso dello 0.3%, l’Hang Seng (CHNComp) sta calando dell’1.1% mentre il benchmark australiano sta calando dell’1.1%. Si noti che gli investitori possono essere cauti in previsione di possibili tariffe che Donald Trump potrebbe presentare dopo che un periodo di commenti pubblici termina oggi. Si noti che la segretaria della Casa Bianca Sarah Sanders ha detto ai giornalisti alla Casa Bianca che è “certamente una possibilità” che il presidente Trump proseguirà i suoi compiti in Cina. Tieni presente che questa volta parliamo di prelievi per $ 200 miliardi di beni importati dalla Cina.

Il mercato azionario cinese si sta ancora avvicinando al suo supporto cruciale nel quartiere di 10440 punti. Rimanere prudenti scambiando l’indice con le tariffe. Fonte: xStation5

©Riproduzione riservata. Tutti i testi e le immagini sono protetti da copyright di ProiezionidiBorsa

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.