Il profit warning sui conti non deve spaventare. Occasione di acquisto per Unicredit?

Unicredit è stata la prima (probabilmente di una lunga serie) banca a lanciare un profit warning sui dati previsti per il primo semestre 2020. Niente di cui meravigliarsi. D’altra parte con le attese di un crollo del Pil del 13% in Europa per il 2020 non era così imprevedibile.

La banca, quindi, ha annunciato che nel primo semestre del 2020 contabilizzerà 900 milioni di rettifiche in più a seguito del mutato scenario macroeconomico dovuto all’emergenza Coronavirus.

Chiaramente questo annuncio ha provocato un forte scossone alle quotazioni del titolo, ma come vedremo nella sezione relativa all’analisi grafica e previsionale ci sono le condizioni per acquistare il titolo in vista di importanti guadagni.

Questo scenario ottimistico trova riscontro anche nelle previsioni della stessa Unicredit che vede una riduzione del PIL riferito all’intero 2020 pari al 13%, seguito da una ripresa del 10% nell’intero 2021. Tale giudizio non è condiviso, però, da tutti gli analisti, anche se successivamente al profit warning i giudizi BUY hanno prevalso sulle altre raccomandazioni. Goldman Sachs, Jefferies, JP Morgan e Deutsche Bank, ad esempio, hanno dato un giudizio BUY sul titolo Unicredit.

Globalmente il consenso medio rimane Outperform con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione del 60%.

Secondo l’analisi grafica e previsionale il profit warning non deve spaventare

Unicredit  (MIL:UCG) ha chiuso la seduta del 23 aprile in rialzo del 2,71% rispetto alla seduta precedente a quota 6,9€. Da notare che il titolo si trova sui minimi storici.

Sul time frame mensile è in corso una proiezione ribassista che ha già raggiunto il suo II° obiettivo di prezzo in area 6,45€. Siccome la chiusura di marzo è stata superiore a questo importante livello, sarà di fondamentale importanza quanto accadrà alla chiusura di aprile. Qualora, infatti, il supporto dovesse tenere, ci sarebbero i presupposti per raggiungere quanto meno area 7,9733€. La rottura, poi, di questa resistenza aprirebbe le porte al raggiungimento dell’obiettivo in area 11,8€.

Ovviamente una chiusura mensile sotto area 6,45€ farebbe precipitare le quotazioni almeno fino in area 4,9€, mentre la massima estensione del ribasso in corso si trova in area2,5€.

unicredit

Unicredit: proiezione ribassista in corso sul time frame mensile. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

Approfondimento

Per approfondimenti su altri aspetti del titolo Unicredit clicca qui.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te