blank

Il primo vaccino anti Covid-19 è cinese

Il primo vaccino anti Covid-19 è cinese?

A chi sarà distribuito per primo: ai bambini, agli anziani , alle persone che  hanno determinate patologie?

No, ai militari.

Crowfunding immobiliare: ROI operazione 11,25%, ROI ANNUO 9,00%! - Scopri di più »

Chi potrà beneficiarne prima sarà l’esercito cinese.

L’esercito della Cina è tra i più potenti al mondo e le spese in tecnologia per le forze armate stanno diventando una costante nel bilancio della Repubblica popolare.

L’ ELP (esercito cinese di liberazione popolare) questo è l’acronimo per le forze militari della Cina, è stato completamente  modernizzato. Alle vecchie armi sono state affiancate  quelle tecnologiche legate agli ultimi sviluppi di settore.

In questo momento è il migliore del continente asiatico.

Certo i recenti scontri sulle montagne dell’Himalaya con i militari indiani avranno influito parecchio nella decisione di  vaccinare per prima i militari rispetto alla popolazione civile.

Il primo vaccino anti Covid-19 è cinese

Si pone un problema, questo è  un vero vaccino o siamo in presenza di un test sierologico sulle reclute dell’esercito?

Secondo alcune fonti, ma il riserbo è d’obbligo, questo vaccino chiamato Ad5-nCov, è già stato testato più volte.

Ha già superato positivamente le prime due fasi  della sperimentazione ma per adesso è stato escluso per scopi civili e riservato solo a quelli militari.

Il vaccino è stato prodotto dalla società CanSino Biologics e dalla Beijing Institute of Biotechnology, quest’ultima società fa parte della Accademia di scienze militari.

L’autorizzazione a poterlo usare sui militari è avvenuto il giorno 25 giugno da parte della commissione militare centrale cinese, il massimo organo dell’esercito.

Altri vaccini erano già stati testati e prodotti. Per adesso questo sarà usato solo per le forze armate e ad oggi non sappiamo se potrà essere messo in commercio.

In Cina gli studi  per curare e sviluppare difese immunitarie sul corona virus sono state iniziate fin dal febbraio di quest’anno in piena chiusura totale della città di Wuhan.

Tutta questa sperimentazione è stata effettuata da reparti medici militari.

I volontari non sono mancati, anche se ci vorrà ancora molto tempo per  sapere se i  prossimi test sui volontari saranno tutti positivi e si potrà avviare una vera e propria  produzione di massa.

La dottoressa Chen, dell’Istituto militare, che guida il gruppo di ricercatori per la ricerca di una  possibilità di sviluppare  difese  immunitarie  verso il virus, ha dichiarato che  gli esperimenti iniziali sono partiti da un vaccino contro l’ ebola.

Fin dall’inizio  i dati sono stati molto incoraggianti.

Ricordiamo che la dottoressa Chen ha il grado di generale dell’ELP.

Adesso che interi reparti dell’ esercito cinese saranno vaccinanti dovremo solo aspettare che funzioni su una massa  così  grande di persone.

Tutti ci auguriamo che funzioni molto bene.

Il presidente cinese Xi Jinping ha fatto solenne promessa che  il vaccino sarà considerato bene comune dell’umanità.

Un vero passo avanti per una nuova solidarietà mondiale.

Se la futura sperimentazione avrà esiti positivi la prima a beneficiarne  sarà sicuramente la borsa cinese.

Gli effetti sulla Borsa di Shanghai di questi ultimi giorni si  possono già vedere.

Un scommessa sul futuro?

Scopri Plus500
Scopri Plus500
Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.