Il petrolio resiste alle pressioni ribassiste e si lascia la porta aperte per raggiungere quota 100 dollari

La settimana che si è appena conclusa ha visto una chiara dimostrazione di forza dell’oro nero. Infatti, il petrolio resiste alle pressioni ribassiste e si lascia la porta aperte per raggiungere quota 100 dollari.

La settimana è iniziata con un ribasso di oltre il 6% come non si vedeva da marzo 2021, quando la pandemia ha rialzato la testa. Come in quel caso, però, anche questa volta c’è stato un pronto recupero. Tuttavia va sottolineato che, fino a quando la tendenza di nuovi limiti o restrizioni non inizierà a diminuire nel sud-est asiatico, in Australia e in Europa per il petrolio sarà difficile rialzare del tutto la testa.

Che l’oro nero sia molto forte, però, si è evidenziato anche dalla reazione delle quotazioni a un dato arrivato dagli Stati Uniti. Il dato sulle scorte, infatti, ha mostrato come siano in forte rialzo, Dopo, però, un momento di sbandamento, subito le quotazioni hanno recuperato e hanno chiuso la settimana sopra l’importantissimo livello in area 70,40 dollari (I obiettivo di prezzo). Una chiusura settimanale del genere, infatti, ha dimostrato la forza del petrolio e rafforza lo scenario che vede le quotazioni raggiungere l’obiettivo successivo in area 100 dollari (II obiettivo di prezzo).

Il petrolio resiste alle pressioni ribassiste e si lascia la porta aperte per raggiungere quota 100 dollari: le indicazioni dell’analisi grafica

Il petrolio  (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 23 luglio a quota 72,17 dollari in rialzo dello 0,64% rispetto alla seduta precedente. La settimana si è chiusa con un ribasso del 1,41% rispetto alla chiusura settimanale precedente

Time frame settimanale

Settimana prossima potrebbe dare la conferma del rialzo in corso del petrolio. Come si vede dal grafico, infatti, le quotazioni sono arrivate a contatto con l’importantissimo supporto in area 70,40 dollari I obiettivo di prezzo.

Una chiusura settimanale inferiore a questo livello aprirebbe le porte a un’inversione ribassista che ha come I obiettivo di prezzo area 56,6 dollari. La massima estensione ribassista passa per area 36,4 dollari.

I rialzisti potrebbero ripartire al rialzo nel caso in cui il supporto tenga. In questo caso le quotazioni si dirigerebbero verso gli obiettivi indicati in figura.

petrolio

Time frame mensile

L’inizio di un ribasso non sarebbe una sorpresa sul time frame mensile, Come si vede, infatti, le quotazioni hanno raggiunto il III obiettivo di prezzo in area 76,8 dollari e, quindi, la probabilità che si assista a un ribasso è molto elevata. In questo caso il prezzo dell’oro nero potrebbe tornare in area 54 dollari.

petrolio

 

Approfondimento

Pochissimi avrebbero immaginato questo clamoroso scenario grazie all’ultima incredibile seduta di Piazza Affari

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te