Il lungo termine di Piazza Affari continua a puntare a 18.500/18.200: sotto questo livello si apre un nuovo 2012!

Questo articolo si collega a quello recente di ProiezioniDiBorsa  riguardante la mappa su alcuni indici azionari redatta a fine agosto.
Viene proposto un grafico di lungo periodo sul FTSE/MIB per tentare di individuare i movimenti di ampio respiro grafico. FTSE/MIB verrà confrontato con una serie di oscillatori/indicatori basati sulle medie mobili e altresì confrontato con un ETF replica del paniere MSCI Italia (quotato in USA e quindi in US$; ticker: EWI), costruito con pesi sensibilmente differenti da quello del FTSE stesso.
I grafici sono in scala lineare, la scansione temporale è mensile, la rappresentazione delle curve è in ema-format (prezzi assenti sostituiti da un complesso di medie mobili esponenziali al fine di smussarne la volatilità intramensile), la banda in giallo o M/10 corrisponde alle medie mobili a 10 mesi.
Si individuano agevolmente due massimi e due minimi chiave, ordinati in senso discendente o decrescente; questi 4 punti segnano i bordi di due canali discendenti ampiamente sovrapposti, evidenziando un trend strutturale risultante del grafico certamente ribassista.
Dopo il sell off del 2008 si è sviluppato un mirabile Graphical Contest  di lungo periodo, rafforzato da una inside bar annuale proprio nel 2009 (in verde sullo zoom grafico a candele); questa ampia struttura grafica ”in progress” è una sorta di multiplo massimo vs. testa & spalle invertito, cioè una ampia banda di accumulo vs. distribuzione, sulla quale è possibile imbastire una operatività.
Il Graphical Contest in oggetto (area in grigio) si estende dal minimo del 2009 fino ai correnti movimenti e viene delimitato dai massimi del 2009 stesso, 2015 e 2018 e dai minimi del 2009, 2012.
Il punto medio di questa ampia banda farà da discriminante delle posizioni interne ribassiste vs. rialziste:
prezzi in ascesa e sopra il punto medio avranno come target i massimi del 2009-2015-2018 (24.100-25.500);
prezzi in discesa e sopra il punto medio, oppure prezzi in salita ma sotto il punto medio, avranno come target il punto medio stesso (18445-18270);
prezzi in discesa e sotto il punto medio avranno come target i minimi del 2009-2012 (12.300).
Si ricorda come l’ampio Graphical Contest è virtualmente sovrapposto e identico o quasi ad una inside annuale avente quindi i medesimi elementi di prezzo (massimo/minimo/medio).
In agosto il trend ribassista ha ripreso vigore in quanto le quotazioni:
*   non hanno superato l’area dei massimi 2009-2011-2015, e contestualmente l’area dei minimi 2002-2003;
*   sono in fase discendente, verso il punto medio del Graphical Contest;
*   sono nuovamente sotto M/10 e sotto le medie di grado superiore;
*   sono nuovamente nella metà inferiore dei due canali ribassisti strutturali;
*   sono nuovamente nella metà inferiore del recente canale ascendente (blu) nato dai minimi del 2012.
Gli oscillatori-indicatori selezionati sono tutti concordi nell’individuare una forte divergenza tra i minimi riscontrati sugli stessi ed i minimi di prezzo, giustificando in pieno l’evoluzione post-2012 del canale blu ascendente. Ora però sono tutti in chiaro segnale ribassista anche se ancora sopra la linea dello zero, intorno alla quale sarebbe atteso (su base mensile ovviamente) una pausa del ribasso o una violentissima accelerazione. Tale linea zero su questi oscillatori-indicatori sarebbe coordinata al punto medio del Graphical Contest o barra inside 2009.
La recente forte ascesa dello SPREAD  in agosto ha accompagnato sul FTSE/MIB un importante segnale locale ribassista interno alla metà superiore del Graphical Contest. Questo segnale è una inside bar mensile (maggio 2018: colore rosso) superata al ribasso e con proiezione del target poco sotto il punto medio del Graphical Contest stesso e quasi in test del canale ascendente blu.
L’ETF EWI fondamentalmente conferma il tutto, ma avendo una profondità temporale maggiore lascia intravedere uno scenario da incubo per i rialzisti in quanto la proiezione grafica dell’ampio canale blu rialzista è nella migliore delle ipotesi a quota 9 US$ (attualmente EWI è a 27US$). In buona sostanza su EWI si vede sul lungo periodo prevalere la seguente tesi grafica: se non interverranno mutamenti strutturali improvvisi, importanti, repentini e rialzisti, allora il Graphical Contest verrà validato al ribasso con target prudente meno 66% dalle quotazioni attuali di EWI (che ricordiamo essere in US$).
Su FTSE/MIB i livelli da monitorare in accordo ai grafici ed alle tesi presentate sono i seguenti:
Punto medio del Graphical Contest o della barra annuale di inside 2009 (18.445-18.270); sotto tale zona di prezzo la pressione ribassista prevalente sarà verso i minimi assoluti del grafico.
Localmente bisognerebbe seguire l’evoluzione ribassista della inside mensile di maggio, con target proprio poco sotto il punto medio indicato; stop della progressione ribassista solo ben sopra i minimi di maggio stesso. Nuovo segnale rialzista locale o di breve termine solo con quotazioni sopra il punto medio della barra di maggio (22.833).
La rottura dei bordi esterni o detonatori di bordo del Graphical Contest  verrà considerata successivamente alle evoluzioni settembrine dell’indice.

Il lungo termine di Piazza Affari continua a puntare a 18.500/18.200: sotto questo livello si apre un nuovo 2012! ultima modifica: 2018-09-03T18:25:41+00:00 da Salvatore Vicidomini
Corsi gratuiti per esperti e neofiti con FXDD
Corsi gratuiti per esperti e neofiti con FXDD

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.