Il lavoratore in Cassa Integrazione matura le ferie?

In questo 2020 moltissime aziende, ma non solo, per far fronte all’emergenza coronavirus hanno deciso di sospendere temporaneamente l’attività lavorativa. I provvedimenti adottati dal Governo in questi mesi, compresa la Legge di bilancio, hanno confermato questa opportunità.

Quando l’azienda sospende temporaneamente l’attività lavorativa usufruirà di un ammortizzatore sociale messo a disposizione dalla legislazione. Ovvero  la Cassa Integrazione.

Nonostante si tratti spesso della Cassa Integrazione in termini generali è necessario precisare che non esiste un istituto unico.

La Cassa Integrazione

Infatti, l’istituto previsto dal legislatore, si compone di tre differenti tipologie di cassa integrazione:

a) CIGO (Cassa Integrazione Guadagni ordinaria) utilizzata dalle imprese del settore industriale;

b) Fondi che interverranno per le imprese che sono escluse dalla CIGO;

c) CIGD (Cassa Integrazione in deroga) accessibile soltanto previa richiesta. Da effettuarsi presso la Regione di riferimento. E se non è possibile ricorrere alle precedenti tipologie.

Dopo aver brevemente spiegato quali sono le tipologie di Cassa Integrazione a cui l’impresa e il lavoratore possono accedere si può riflettere sul quesito iniziale.

Il lavoratore in cassa integrazione matura le ferie?

Quando si tratta di ferie si è di fronte a un istituto inderogabile. Il lavoratore, cioè, non può rinunciare alle ferie. Il datore di lavoro, dal canto suo, non potrà costringere il lavoratore a rinunciare alle ferie.

In una situazione normale il lavoratore maturerà circa quattro settimane di ferie all’anno. Il maturare delle ferie è direttamente correlato alle giornate lavorative effettuate dal lavoratore in un mese.

Infatti, matureranno solamente se il lavoratore ha svolto la sua mansione per almeno quindici giorni in un mese. Quindi, nel caso di Cassa Integrazione e le ferie matureranno solamente se si è prevista la Cassa Integrazione a orario ridotto. Non matureranno, invece, se il lavoratore sarà posto in Cassa Integrazione a zero ore lavorative.

Quindi, per rispondere al quesito riguardo a lavoratori in Cassa Integrazione e ferie si potrà affermare che l’istituto prevede la maturazione di ferie. Questo, però, solo se il lavoratore continuerà a lavorare ad orario ridotto, accumulando almeno quindici giorni di lavoro in un mese.

Nel caso in cui ci si chiedesse, invece, se è possibile richiedere le ferie durante il periodo di Cassa Integrazione si consiglia la lettura di questo articolo.

Consigliati per te